18 Giugno 2021 Segnala una notizia
Monza, nel 2014 nuovo trapianto di mani? Avviato studio clinico

Monza, nel 2014 nuovo trapianto di mani? Avviato studio clinico

31 Ottobre 2013

Sono passati circa tre anni dallo storico trapianto bilaterale di mano a Carla Mari, avvenuto al San Gerardo di Monza. Oggi, come rivela Massimo Del Bene, direttore dell’Unità di Chirurgia della Mano del nosocomio monzese, e artefice assieme alla sua equipe dell’intervento datato 2010, è allo studio un nuovo caso che potrebbe portare a un inedito bis.

Il paziente è un ragazzo moldavo di 28 anni, folgorato all’età di 15 da una scossa elettrica che lo ha privato di entrambe le braccia, amputate a seguito dell’incidente. «È già partito l’iter procedurale, – spiega Del Bene – l’obiettivo è capire se ci sono i requisiti per ripetere l’intervento del 2010. Il paziente ha il braccio destro completamente amputato, mentre il sinistro è stato reciso poco sotto il gomito. Lo studio consisterà in una prima parte psicologica, per verificare l’idoneità al trapianto, dopodiché saranno considerati anche gli aspetti genetici e le compatibilità. Se tutto volgerà al meglio contiamo di terminare entro fine dicembre la valutazione, a gennaio chiedere l’autorizzazione ufficiale e verosimilmente operare entro la fine del 2014».

Rispetto a Carla Mari, la paziente che ha beneficiato del primo doppio trapianto di arto, il nuovo caso clinico ha un’età differente e un lasso di tempo maggiore di esposizione alla terapia immunosopressiva. «Siamo ottimisti – continua Del Bene – oggi su Carla Mari viene utilizzato un solo farmaco e in dosi molto basse. Non c’è stato alcun problema e, con cautela, pensiamo di poter sospendere la terapia nel prossimo futuro. Si può dire che abbiamo abbassato l’età dei potenziali pazienti e che possiamo guardare con fiducia anche a nuovi target di riceventi».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi