25 Novembre 2020 Segnala una notizia
Incidente d'auto, nascondo la macchina per disorientare i vigili

Incidente d’auto, nascondo la macchina per disorientare i vigili

31 Ottobre 2013

Hanno spostato l’auto dell’amico per evitare che i vigili ricostruissero la dinamica dell’incidente. Fra i tanti escamotage per evitare di finire nei guai, quello messo in atto mercoledì mattina da un gruppo di albanesi è sicuramente uno dei più originali. Verso le 11,30, in via Monte Cervino, periferia ovest di Monza, un albanese di 37 anni a bordo di una macchina ha investito un pensionato residente a Monza di 67 anni, anche lui a bordo di una vettura. La colpa, secondo i primi accertamenti, sarebbe dell’albanese, che non avrebbe dato la precedenza.

Tuttavia, visto che era clandestino, ha deciso di chiedere aiuto ai suoi amici che sono arrivati in un batter d’occhio, hanno nascosto la macchina e se la sono dati a gambe. Lo scopo della manovra era chiaramente di impedire alla pattuglia della polizia locale che non era ancora arrivata di ricostruire l’incidente e di evitare anche il sequestro. Lo sforzo, però, non è servito a molto. I ghisa infatti hanno ritrovato la vettura pochi isolati in la e adesso il gruppo di furbetti rischia una denuncia per favireggiamento.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Commenti

  1. brava gente. rispedirli A CALCI a casa loro, altro che accoglierli e integrarli.

Articoli più letti di oggi