30 Novembre 2020 Segnala una notizia
Lissone, case Aler: problema legionella risolto. «Ma morosità alta»

Lissone, case Aler: problema legionella risolto. «Ma morosità alta»

2 Ottobre 2013

Legionella no, morosità sì. È questo il sunto del comunicato con cui Aler Monza e Brianza mette la parola fine all’allarme legato all’acqua nello stabile di via Negri, a Lissone, che nelle scorse settimane destò preoccupazioni e una lettera degli inquilini che minacciavano la sospensione degli affitti. «Le analisi hanno confermato la risoluzione del problema. – spiega in una nota Aler – In ogni caso, ancora prima che ce lo chiedesse l’Asl, avevamo già interpellato una società specializzata per effettuare dei controlli costanti negli impianti, per fare prevenzione».

Resta, invece, il problema degli arretrati. E questa volta tocca proprio ad Aler lamentare la situazione: «Nello stabile di via Nigra 6, per le 34 famiglie sono stati emessi al 31 agosto avvisi di pagamento per 38.500 euro, con un pagato di circa 19.500 che supera di un soffio il non pagato, circa 19.000. Situazione analoga in via Dei Ciliegi 3, dove per le 46 famiglie sono stati emessi avvisi di pagamento per quasi 52.000 euro, con un pagato di circa 31.000 e un residuo di circa 21.000. Il totale è presto fatto: a fronte di 90.500 euro di affitti e spese da corrispondere, gli inquilini hanno coperto solo poco più di 50.000 euro, con gli altri quasi 40.000 di morosità. In sostanza, nonostante i nuovi edifici moderni e funzionali che gli abbiamo dato hanno ripreso con il trend negativo di prima. Confidiamo che sia una fase transitoria, altrimenti, se la morosità perdurasse, avvieremo le pratiche per ristabilire la legalità e l’equità».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi