05 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Il Sindaco di Monza ai funerali di Lea Garofalo vittima della mafia

Il Sindaco di Monza ai funerali di Lea Garofalo vittima della mafia

19 Ottobre 2013

Una silenziosa sfilata per ricordare Lea Garofalo, mamma coraggio uccisa perché ha lottato contro la malavita, vedrà tra i partecipanti anche il Sindaco di Monza, Roberto Scanagatti.

Lea, uccisa in un appartamento di Milano nel novembre 2009 e poi bruciata in un campo del quartiere monzese di San Fruttuoso, verrà celebrata su richiesta della figlia Denise. Proprio per permettere alla sua bambina di avere una vita migliore, Garofalo denunciò il suo ex compagno e padre della ragazza per collusione con l’Ndrangheta. Decisa a non far vivere Denise sempre sotto protezione, Lea ad un certo punto rinunciò al programma per la tutela dei testimoni. La libertà per se e per la figlia, le costò la vita. Domattina, grazie all’organizzazione messa in atto dal Comune di Milano, Lea avrà il suo funerale. A salutare il simbolo del coraggio contro la malavita, ci sarà anche il Sindaco di Monza Roberto Scanagatti, che parteciperà ai funerali di Lea Garofalo accompagnato dal presidente del Consiglio monzese Donatella Paciello e da alcuni consiglieri comunali. Alla cerimonia sarà presente anche il gonfalone della Città di Monza, scortato dal picchetto d’onore del Corpo della Polizia locale. Prima di recarsi a Milano, il sindaco Scanagatti, alle 9.30, deporrà un mazzo di fiori sotto la targa alla memoria di Lea Garofalo, posta dal Comune lo scorso anno nel cimitero del quartiere monzese di San Fruttuoso, a pochi metri da dove furono ritrovati i resti della donna.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi