16 Maggio 2021 Segnala una notizia

Desio, Forno revisionato il piano strategico: 15 mln di investimento e aumento dei rifiuti da smaltire

28 Ottobre 2013

Torna in primo piano nel dibattito desiano e brianzolo la questione del Forno inceneritore. Nei giorni scorsi infatti Bea ha presentato una revisione del contestato Piano industriale, raccogliendo…ulteriori contestazioni.

In sostanza il Piano rivisto prevede una riduzione degli investimenti infrastrutturali da 25 a 15 milioni di euro; con il ritorno previsto degli investimenti che scenderebbe da 20 a 15 anni. Di contro, aumenterebbero da 70 a 88 mila le tonnellate di rifiuti da smaltire.
E questo è uno dei nodi contestati, ad esempio da Paolo Di Carlo, battagliero consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, “a chi serve questo aumento – sottolinea – considerando che in regione Lombardia c’è già oggi una sovracapacità accertata per oltre 110 mila tonnellate? Prima di investire ancora 15 milioni per 15 anni su un impianto datato, occorre uno studio redatto da tecnici indipendenti che analizzino i bisogni del territorio e propongano uno scenario realmente alternativo, una soluzione al passo con i tempi, tenendo conto che i rifiuti diminuiscono, la raccolta differenziata può e deve aumentare, gli orientamenti della Regione chiedono l’utilizzo di sistemi innovativi e la riduzione della attuale sovracapacità di incenerimento regionale”.

Di contro, BEA assicura che con questo Piano le tariffe diminuirebbero di 12 euro a tonnellata nel 2014 e di 25 euro a tonnellata dal 2020. I lavori riguarderebbero il potenziamento del trattamento fumi, l’efficientamento elettrico e termico. Adesso la parola passa di nuovo ai Comuni Soci.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Mirko Dado


Commenti

  1. mauber62 dice:

    Il vero investimento per la comunità sarebbe la graduale dismissione dell’inceneritore e l’adozione della strategia “rifiutizero”. L’inceneritore, oltre ad essere un incubatore di malattie, rappresenta un serbatoio di interessi economici per partiti e ambienti vicini al malaffare. Cosa aspettiamo ad aprire gli occhi, cari sindaci soci?

Articoli più letti di oggi