06 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Appalti, manette, sospetti e ombre di 'ndrangheta. A Desio si spera che non nevichi...

Appalti, manette, sospetti e ombre di ‘ndrangheta. A Desio si spera che non nevichi…

31 Ottobre 2013

“In un periodo di grave crisi economica come quello che stiamo attraversando, dove gli appalti pubblici si sono ridotti al lumicino e le imprese annaspano, nessuna azienda vuole partecipare alla gara d’appalto da 200.000 euro per lo sgombero neve nel comune di Desio. Si tratta di una situazione a dir poco inquietante e di certo non casuale che fa immediatamente pensare ad intimidazioni di stampo mafioso”.

A lanciare l’allarme, intervenendo in Aula al Senato, è Lucrezia Ricchiuti, senatrice del Partito democratico e componente della Commissione Antimafia. “Durante il mio mandato di vicesindaco del comune di Desio ho presentato, insieme al mio sindaco, una serie di esposti che hanno dato vita ad un’indagine che nel maggio 2013 ha portato il G.I.P. di Monza ad ordinare la custodia cautelare di tre dipendenti pubblici, due dei quali dipendenti del comune di Desio e di quattro imprenditori. Alcuni di loro sono stati indagati per concorso in corruzione, abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti, frode in pubbliche forniture e altro e hanno poi scontato diversi mesi di carcere. Guarda caso gli appalti su cui si è incentrata l’indagine avevano per oggetto lo sgombero neve”.

“Sembra più che evidente che qualcuno stia intimidendo le aziende sul territorio, perché non esiste motivo alcuno per il quale un imprenditore onesto non debba fare la sua offerta per cercare di portare a casa un appalto da 200.000 euro con un cospicuo fermo macchine; 40.000 euro da portare a casa senza fare niente nel caso in cui non dovesse nevicare. L’unica spiegazione plausibile è che qualcuno voglia mettere in seria difficoltà l’amministrazione comunale di Desio, lanciando nel contempo dei chiari messaggi di stampo mafioso”.

La gara è andata deserta già tre volte. Adesso il Comune sta preparando il quarto bando, trattando direttamente con alcune aziende. Sarà la volta buona? Nel frattempo, a Desio si spera che non nevichi….

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Mirko Dado


Commenti

  1. Paolo Redaelli dice:

    Il lavoro “sarebbe” pagato se e solo se il comune non cadrà sotto la mannaia del patto di stabilità.
    Se partecipi al bando e lo vinci devi innanzitutto cacciare soldi per una fideiussione. Ovvero PAGHI prima per poter lavorare. Poi dovrai PAGARE SUBITO i contributi, gli stipendi, le tasse e l’IVA sul fatturato.

    Poi DOPO, e solo dopo mesi e mesi, FORSE il comune ti pagherà.

    Ma la cosa è tutt’altro che certa perché se Desio si vedrà “bloccati i fondi” come molti altri comuni della Brianza allora non potrà pagare i fornitori che FALLIRANNO perché l’INPS i contributi li vuole TUTTI e SUBITO, altirmenti ti sguinzaglia addosso Equitalia che in lampo ti fa confisca a destra e a manca.

    Chi fornisce il gasolio se non lo paghi ti chiude i rubinetti.
    Con la crisi imperante le persone non sono così stupide da rischiare di andare a gambe all’aria, di fallire e mandare in mezzo ad una strada i propri colleghi e collaboratori solo per potersi gloriare di aver lavorato gratia-amore-dei spalando la neve per il comune.
    Altro che mafia. Qui ci sono solo persone che NON VOGLIONO FALLIRE.
    Nel frattempo monterò le gomme invernali così giro anche con 10-15cm di neve per le strade e mi armerò di badile.

    • Darkkest dice:

      Ah già che in lombardia la mafia non esiste…me ne ero scordato, Maroni è un po’ che non lo ripete…

      • prova a chiederlo a penati…. a non può rispondere e preso a contare i milioni di euro

        • Darkkest dice:

          Guarda che non sono così limitato da dover scegliere se parteggiare per un pirla o per un delinquente. Se poi tu la vuoi buttare in “io tengo a questo tu tieni a quello” allora metti su telelombardia e continua a guardarti quei quattro dementi che si umiliano a parlare di calcio che tanto è uguale.
          A me fanno pietà entrambi, maroni o penati, ma che la mafia non c’è in lombardia l’ha mica detto penati.
          Dai che tra un po’ devi andare a nanna che domani devi andare all’asilo.

Articoli più letti di oggi