03 Dicembre 2020 Segnala una notizia
San Gerardo, via gli alberi. Si fa spazio per la nuova palazzina

San Gerardo, via gli alberi. Si fa spazio per la nuova palazzina

27 Settembre 2013

Anche per gli alberi dell’ospedale San Gerardo una nuova collocazione. Il cantiere procede e c’è da fare spazio alla palazzina di cinque piani più due interrati dove saranno veicolati ambulatori, cup e day hospital. A farne le spese gli arbusti, alcuni piuttosto imponenti, che da stamattina, giovedì 26 settembre, vengono tagliati e rimossi dall’area interessata. Parallelamente, nuove piante sono in fase di piantumazione.

Fuori, il “serpentone” pedonale aderisce alle recenti disposizioni ed entrate, non senza qualche difficoltà di orientamento, a cui cerca di rimediare lo sportello “informazioni”, al piano terra di ogni settore, dove un addetto fornisce coordinate e tragitti preferenziali. La quotidianità è cambiata, dottori e pazienti fanno i conti con rumori da fabbrica e la convivenza tra il servizio sanitario e un cantiere di sei anni è solo all’inizio.

Al San Gerardo l’aria è di cambiamento ma non “buona”, curiosità: un operaio vuole impedirci di scattare fotografie. Arriva il responsabile – dopo venticinque minuti di attesa, su suolo pubblico – ma preferisce non parlare, e non presentarsi, perché «poi mi si ritorce contro».

Dall’amministrazione glissano sull’episodio e in arrivo, o forse in aiuto, dal prossimo primo ottobre ci sarà un addetto stampa.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi