30 Novembre 2020 Segnala una notizia
No-Pedemontana. Quell'indifferenza? È il senso di impotenza creato dai potenti

No-Pedemontana. Quell’indifferenza? È il senso di impotenza creato dai potenti

23 Settembre 2013

Lettera – Piano piano la piazza si riempie e con un po’ di ritardo sul previsto il corteo si mette in movimento. Qualcuno osserva che conosce l’80% dei presenti e che ciò non è un buon segno. Probabilmente ha ragione.
Ho la netta sensazione che i duemila partecipanti dell’anno scorso sono un’utopia. I dati ufficiali o quelli dell’organizzazione ancora non li ho visti ma per queste mie riflessioni non è fondamentale. Riflessioni. Già. Riflessioni che lasciano un piccolo peso nel cuore. Perché mentre con mio figlio di sette anni sfilavo per le vie di Desio per cercare di garantire a lui e agli desio manifestazione contro pedemontana-1altri un futuro dignitoso, circondato da persone che venivano da Milano, da Sesto, Da Cinisello, Da Monza, Da Lissone, Da Muggiò, da Bovisio Masciago, da Cesano Maderno da Vimercate, da Brugherio e chissà da quanti altri comuni, vedevo persone, intere famiglie alle finestre ed ai balconi che non faceva nemmeno lo sforzo di vestirsi e scendere tra noi.

Non so cosa pensino quelle persone della manifestazione. Se condividano il pensiero di impedire la costruzione della pedemontana o se, invece, viceversa, vogliano la strada. Ma ho la netta sensazione che invece l’idea di fondo, comune e condivisa sia, purtroppo, ancora quella che la strada non la vorrebbe nessuno ma che contro i potenti devastatori della terra nulla si può fare. E’ questa la vera grande vittoria di questi signori. Creare il senso di impotenza, creare una situazione di pigrizia di fondo che porta i desideri della maggioranza delle persone a soccombere. Voglio essere tanto cattivo quanto realista affermando che i nostri figli meritano di morire in preda agli atroci dolori delle malattie che verranno perché’ hanno avuto dei genitori coglioni.

Lettera al giornale firmata.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Commenti

  1. forse non tutti sapevano di questa manifestazione….non penso che la pedemontana sia voluta….

  2. la pedemontata è un’opera che è voluta da molti. E sono molti di più quelli che la vogliono di quelli che non la vogliono.
    Le persone possono avere un’opinione diversa dalla tua, non per questo puoi dar dei “genitori coglioni” a chi la pensa diversamente da te.
    Una strada come la Pedemontana, che si aggiunge a quelle già esistenti, snellirà il trafico e lo disperderà: riducendo le code si riduce il tempo della permanenza delle auto sulla strada, di conseguenza si riducono le emissioni, di conseguenza si riduce l’inquinamento.

Articoli più letti di oggi