25 Giugno 2021 Segnala una notizia
"Ndrangheta omertosa al Nord", le motivazioni della sentenza "Infinito"

“Ndrangheta omertosa al Nord”, le motivazioni della sentenza “Infinito”

24 Settembre 2013

Tre anni di indagine, centodieci persone condannate, il maxi processo “Infinito” verrà ricordato come la prima e più vasta operazione contro l’Ndrangheta nel Nord Italia. E’ di poche ore la diffusione delle motivazioni della sentenza pronunciata la scorsa primavera dai Giudici della Corte D’Appello di Milano.

Riunioni nel centro dedicato a Falcone e Borsellino e poi usura, droga, estorsioni e rapine. Le Locali brianzole dell’Ndrangheta funzionavano esattamente come in Calabria. Le indagini avviate dal Sostituto Procuratore della Repubblica Salvatore Bellomo, hanno smantellato pezzo per pezzo tutte le piccole ndrine brianzole, quasi una per comune. La maxi operazione ha visto al lavoro centinaia di uomini, giorno e notte, per anni. La sentenza di primo grado (del novembre 2011) ha condannato a pene fino a 16 anni 110 imputati, mentre quasi 120 hanno preferito procedere secondo rito abbreviato. La Corte D’Appello di Milano, nell’aprile 2013, ha confermato la decisione precedente con una motivazione resa nota in questi giorni, lunga ben 1700 pagine. La ‘Ndrangheta del nord viene definita dai Giudici come radicata e diffusa, distaccata dal cuore della malavita Calabrese alla quale non riferisce in toto il proprio operato e connotata da una forte omertà anche dalle vittime.

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi