26 Novembre 2020 Segnala una notizia
Naziskin in Brianza? «Keep calm! Il festival è a Cantù»

Naziskin in Brianza? «Keep calm! Il festival è a Cantù»

10 Settembre 2013

Dopo le polemiche che in questi giorni hanno investito la Brianza come uno tzunami circa il raduno dei naziskin, ecco ora giungere l’ennesimo colpo di scena. Fra meno di due giorni si terrà la seconda edizione di Boreal, la manifestazione di estrema destra organizzata da Forza Nuova (le date sono il 12, 13 e 14 settembre). La località prescelta, dove sono attesi centinaia di giovani da tutta Europa, sarà Cantù.

«Time is here, training is over… il Festival Boreal partirà come da programma giovedì 12 settembre. – scrivono gli organizzatori di Forza Nuova dalle pagine del loro sito web – Di tutto l’odio che si è alzato contro di noi, di tutte le parole diffamanti e le false informazioni, nulla è rimasto, se non la realtà concreta, viva e determinata della nostra volontà. […] La paura genera intolleranza. Noi non abbiamo paura».

Erano bastate alcune indiscrezioni sulla possibilità che si svolgesse a Seregno per provocare le reazioni del Pd e anche del presidente della Provincia, Dario Allevi (Pdl), che aveva definito l’evento come «istituzionalmente inaccettabile». Una polemica bipartisan, dunque, che viene ora commentata dall’assessore provinciale alla Sicurezza, Andrea Monti dalle pagine del suo blog: «Gli uomini di Forza Nuova hanno preso tutti per il naso; il Festival Boreal si farà a Cantù e con tanto di permesso del Sindaco e della Prefettura di Como. Per mesi hanno fatto credere a tutti che il raduno si sarebbe svolto dapprima in Provincia di Milano e poi, con denunce e allarmi sempre più precisi ed insistenti in Provincia di Monza, anzi, probabilmente, si diceva, nel Comune di Seregno. Scopriamo ora che si è trattato di un tranello architettato con astuzia, un trappolone politico in cui, spiace dirlo, tanti, troppi ci sono cascati. E proprio mentre il plotone democratico era pronto e schierato per condannare il Sindaco leghista che aiuta i nazisti, ecco che salta fuori il Sindaco di Cantù, eletto grazie al decisivo appoggio proprio del Partito Democratico, che non solo non si oppone al raduno nazistoide, ma addirittura autorizza l’uso di uno spazio pubblico. Adesso inserire la retromarcia provocherà qualche imbarazzo di troppo. […] Siamo del tutto convinti che sia il divieto, la negazione, quindi, in ultima istanza la repressione, la risposta a gruppi e forze politiche che non condividono alcuni valori che consideriamo fondamentali?».

E VOI COSA NE PENSATE? DITECI LA VOSTRA

 

 

 

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. antifascisti dinosauri isterici

    • Eh già, meno male che ci sono ancora i fasci già proiettati nel terzo millennio ma col busto del duce sul comodino. Mi sento più tranquillo adesso che ci sono loro a dirmi che la paura genera “intolleranza”, in effetti sono sempre stati un esempio di tolleranza e pacificazione.

  2. E’ giusto che ognuno possa esprimersi, nel rispetto delle leggi e dell’etica. Dopodichè, rossi o neri o arlecchini, non ha importanza.

    • Ecco, “nel rispetto delle leggi” mi risulta sia ancora in vigore il reato di apologia di fascismo. Sull’etica forse non è neanche il caso di sprecare fiato…

  3. contordine compagni, i nazi odiano il nano, quindi sono bene accetti.

Articoli più letti di oggi