26 Novembre 2020 Segnala una notizia
Maroni al Gran Premio per difendere la corsa di Monza

Maroni al Gran Premio per difendere la corsa di Monza

8 Settembre 2013

Alla scadenza del contratto tra Formula 1 ed Autodromo di Monzamancano ormai solo tre anni. Il Governatore di Regione Lombardia Roberto Maroni, affronta il futuro della corsa con Bernie Ecclestone e Luca Cordero di Montezemolo.

Le due giornate di prove di venerdì e sabato hanno visto il Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni impegnato in due riunioni durante le quali si è parlato anche del futuro del Gran Premio di Monza allo scadere del contratto nel 2016. «Non esiste Gran Premio d’Italia senza Monza – ha dichiarato Maroni – ho avuto con Ecclestone un cordiale incontro, non sarà l’unico». Dopo aver affrontato il tema del futuro di Monza con il Patron della F1, il Presidente ne ha discusso anche con il Presidente della Ferrari. Al termine della loro riunione il Presidente della Regione ha commentato su Twitter “Anche stamattina a Monza. Missione: salvare il Gp di F1 che qualcuno vuole cancellare”. Ci provò Roma, Imola vorrebbe rivedere le auto correre il Gp di San Marino, ma sono anche altri paesi a mirare alla data monzese per inserirsi nel calendario della Formula Uno. Se ne riparlerà a termine contratto.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Commenti

  1. Monzese Perplesso dice:

    Mi chiedo se alla città convenga ospitare gente come questi tifosi Ferrari che fischiano chi dimostra di essere nettamente più bravo. Per colpa di questa gente che vene da fuori facciamo la figura degli incivili. Non è meglio investire nella città in altro modo, abbiamo il parco, la villa reale, il tesoro del duomo .. potremmo ospitare in 365 giorni più turisti (e soprattutto gente più civile) che in questa settimana. sbaglio?

  2. MassimoC dice:

    Il gp ha un enorme indotto, che a Monza non siamo mai stati capaci di sfruttare. I tifosi arrivano, si annidano nel parco, e a fine gara tanti saluti. Quanti vengono a visitare la città? Quanti, pur restando nel parco, escono dall’area dell’autodromo? Pochissimi.
    Da una decina d’anni si sta provando a legare gp e città con le iniziative di Monzapiiù, ma con risultati praticamente nulli. A parte il primo anno, infatti, dove sono state organizzate cose intelligenti, dal secondo in poi è soltanto una vetrina di concessionari in piazza e iniziative di nessun interesse.
    A livello logistico, è un pugno in un occhio: uno arriva alla stazione e trova locali fatiscenti, dal lato di porta Castello sembra Napoli.
    E attenzione, xkè l’indotto che invece si potrebbe creare andrebbe ben oltre i 3 gg del gp. Se uno si trova bene in un posto, è invogliato a tornarci, anche in altri periodi dell’anno. E se nella nostra provincia di turistico c’è ben poco, ci potrebbe “agganciare” al turismo del lago, convogliando in città, anche solo per una gita mordi e fuggi, i danarosi turisti svizzeri e tedeschi che affollano il Lario. In altre parole il gp potrebbe rivelarsi il trampolino di lancio per presentare il nostro territorio
    Se Ecclestone deciderà di toglierci il gran premio, sarà solo colpa nostra.

Articoli più letti di oggi