05 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Grillo a Paderno per dire “no” alla Rho-Monza. «Ma se non ci votano andiamo via»

Grillo a Paderno per dire “no” alla Rho-Monza. «Ma se non ci votano andiamo via»

30 Settembre 2013

Il ciclone Beppe Grillo si “abbatte” su Paderno Dugnano. Il leader pentastellato, presente domenica 29 settembre alla manifestazione itinerante nella cittadina milanese, organizzata dalle associazioni contro la riqualificazione della Strada Provinciale Rho-Monza e a favore dell’interramento del progetto, ha commentato la recente crisi di governo e i possibili scenari. Con un colpo di scena.

«Dobbiamo mandare a casa tutta questa gente e rifare il Paese con un Governo a 5 Stelle. Io voglio parlare con i 20 milioni che votano ancora Pd e Pdl – ha detto Grillo – se continuano a farlo il Movimento se ne va. Gli dico “se non ci votate io mi tiro fuori”».

E ancora: «Adesso vorrebbero cambiare la legge elettorale per fare un Superporcellum e farci restare fuori, ma non glielo permetteremo».

Insomma, Paderno Dugnano, per un pomeriggio, al centro d’Italia; anche se, come qualcuno mugugnando ha ricordato, il tema della giornata non era la crisi di governo ma la questione Rho-Monza, una riqualificazione che fa discutere.

«Qua vogliono fare una strada a 14 corsie – ha commentato Grillo – Ma che senso ha? Non siamo mica a Los Angeles». In chiusura, una promessa: «Comprerò un bilocale a Paderno per proseguire la lotta per la Rho-Monza con voi».

In foto: Beppe Grillo all’Arengario di Monza nel 2012.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi