25 Novembre 2020 Segnala una notizia
Provercelli-Monza 0-1. I biancorossi superano il primo turno di Tim Cup

Provercelli-Monza 0-1. I biancorossi superano il primo turno di Tim Cup

5 Agosto 2013
Comincia benissimo la stagione ufficiale 2013/14 del Monza: la compagine allenata da Tonino Asta ha espugnato lo stadio Silvio Piola di Vercelli qualificandosi per il secondo tuno preliminare di Coppa Italia.
La squadra biancorossa, rientrata a Monza dal ritiro di Spiazzo, in Trentino, solo ieri, non solo ha battuto 1-0 la Provercelli, una formazione neoretrocessa dalla Serie B, ma lo ha fatto con autorevolezza, nonostante le insidie del terreno sintetico e delle luci artificiali. La serata, tra l’altro, è stata particolarmente calda e a farla da padrone sono state le zanzare, che in riva al Sesia sono notoriamente abbondanti.
L’incontro si è giocato davanti a un migliaio di spettatori, di cui un centinaio provenienti da Monza. Asta ha dovuto fare a meno di Miello, convalescente dalla terza operazione consecutiva a un ginocchio, Polenghi, operato l’altroieri a una caviglia, Calliari, in via di guarigione dall’infortunio a un ginocchio, e Terrani, il cui tesseramento ha avuto un intoppo burocratico che sarà risolto nei prossimi giorni.
L’avvio di partita è pimpante e il Monza mette subito in difficoltà le “bianche casacche”, allenate dall’ex giocatore biancorosso Cristiano Scazzola, col suo ormai tradizionale pressing alto. Non si registrano pericoli per le rispettive porte fino al 21′, quando un sinistro a giro di Valagussa passa non lontano dal palo. 2’ dopo Greco colpisce di testa debolmente consentendo a Castelli una facile parata. Al 25’ il Monza passa in vantaggio al termine di una pregevole combinazione tra Gasbarroni, Vita e Finotto conclusa da quest’ultimo con una gran botta che s’insacca appena sotto l’incrocio dei pali. Al 35′ un pallonetto di Gasbarroni sfila di poco alto sulla traversa. Al 37’e al 40’ è la Provercelli a rendersi pericolosa, prima con una conclusione di Cristiano dal limite parata in due tempi da Castelli, e poi con una rovesciata di Germano terminata a lato non di molto.
provercelli_monza1La ripresa è una sarabanda di occasioni sprecate. Al 5’ Gasbarroni va via in azione personale ma calcia fuori di poco. All’8′ un tiro da oltre 20 metri di Di Piazza termina fuori d’un soffio. Al 10’ un’altra azione personale, stavolta di Valagussa, si conclude con un pallonetto leggermente sbilenco. Al 13′ un calcio di punizione di Franchino sfila di poco a lato. Al 19’ Greco ci riprova di testa e stavolta Castelli deve respingere in corner. 2’ dopo Laraia sostituisce Bianchi e il Monza passa al 4-4-1-1. Al 28’ Anghileri centra il palo da distanza ravvicinata. Al 30’ un grave errore di Valagussa a centrocampo innesca Greco, che però al limite dell’area fa sfumare la ghiotta opportunità. Al 34′ Greco serve in profondità Erpen che a tu per tu con Castelli gli spara addosso la sfera. Ravasi sostituisce Finotto e al 43’ un diagonale debole di Greco viene bloccato da Castelli. Entra Morao per uno sfinito Gasbarroni e al 49’ il subentrato Gomez insacca il pallone, ma il guardalinee aveva sbandierato per fuorigioco.
Il match termina dunque col successo per il Monza, che domenica prossima, per il secondo turno preliminare di Tim Cup, andrà a far visita all’Avellino, neopromosso in Serie B. Allo stadio Partenio-Lombardi la truppa biancorossa troverà tutt’altro clima da parte della tifoseria ospite, ma niente è precluso a una squadra che sta dimostrando di meritare la Prima Divisione, un campionato che ormai solo il Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport del Coni potrebbe ordinare di assegnare al club brianzolo già quest’estate.
In casa dei leoni “feriti” il clima a fine partita è leggermente teso. Scazzola si aspettava “una partita differente; non abbiamo giocato benissimo, anche se abbiamo sbagliato qualche gol e dunque ci poteva stare pure un pareggio come risultato; il Monza comunque non ha rubato niente: aveva un passo diverso dal nostro”. Molto più duro il commento del presidente Massimo Secondo: “Abbiamo giocato una partita abbastanza imbarazzante, soprattutto negli elementi di maggiore esperienza. Se non si sputa sangue a ogni partita, si fanno figure ridicole come quella di stasera. Spero che qualcuno si faccia un esame di coscienza”.
Asta è molto soddisfatto: “Credo che entrambe le squadre abbiano fatto una preparazione mirata alla Coppa Italia, dunque non parlerei di diversità di carico di lavoro nelle gambe. Sono stati molto bravi Vita e Finotto a mettere costantemente n difficoltà i loro difensori. Negli ultimi 20′ la Provercelli poteva pareggiare, ma prima noi avremmo potuto raddoppiare. Ad Avellino cercheremo di vender cara la pelle. Per il campionato attendo ancora il tesseramento di una punta e di due difensori”.
provercelli_monza2Il responsabile dell’area tecnica Gianluca Andrissi dedica la vittoria “ai tifosi; è il loro premio per essere venuti anche oggi, 4 agosto, a seguire la squadra fino a Vercelli. A metà settimana non si disputerà una gara amichevole, ma si giocherà al centro sportivo Monzello una partitella in famiglia”.
Presente in tribuna anche l’amministratore delegato Maurizio Prada: “Mi ha colpito come la squadra abbia retto il forte caldo e come i nuovi arrivati si siano integrati molto bene cogli altri”. Per lui c’è una brutta notizia: è stato deferito alla Commissione disciplinare della Figc per le dichiarazioni lesive della reputazione dell’ex capitano Vincenzo Iacopino rilasciate nel corso della festa dei tifosi tenutasi al Circolo Libertà lo scorso 3 luglio.
Grande protagonista del match è stato Gabriele Franchino e non poteva essere altrimenti considerando che a vederlo c’erano, oltre alla fidanzata, molti parenti e amici, dato che lui è di Gattinara, provincia di Vercelli: “Sto cercando di migliorare la fase difensiva perché se voglio fare il calciatore professionista è indispensabile. Ad Avellino sarà una partita difficilissima, ma ce la giocheremo. La mia scelta di rimanere a Monza? Io ero in parola con Andrissi e difatti a fine stagione ho rinnovato il contratto in scadenza per altri due anni”.
Chiudiamo con Andrea Gasbarroni: “Stasera non era per niente facile, ma abbiamo disputato una buonissima gara. La mia condizione? Così così”. Però intanto ha già giocato 90’…
PROVERCELLI-MONZA BRIANZA 0-1 (0-1) 
PROVERCELLI (4-3-2-1): Valentini; Cancellotti, Cosenza, Bani, Cristiano; Germano (6’ s.t. Scaglia), Rosso (20’ s.t. Disabato), Scavone; Erpen, Di Piazza (26’ s.t. Gomez); Greco. A disp.: Miranda, Coviello, Fochesato, Huston, Marconi, Secondo, Ruggiero. All.: Scazzola.
MONZA BRIANZA (4-3-2-1): Castelli; Franchino, Galimberti, Zullo, Anghileri; Valagussa, Grauso, Bianchi (21’ s.t. Laraia); Vita, Gasbarroni (46’ s.t. Morao); Finotto (36’ s.t. Ravasi). A disp.: Teodorani, Pessina, Candido, Martino. All.: Asta.
ARBITRO: Giovani di Grosseto.
MARCATORE: 25′ p.t. Finotto.
NOTE: calci d’angolo 6-6; ammoniti Cristiano, Cosenza, Rosso, Disabato e Zullo; espulso all’intervallo l’allenatore in seconda della Provercelli, Alessandro Turone, per proteste; recupero 0′ e 4′; spettatori paganti 895 per un incasso di 5170 euro.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Camillo Chiarino
Monzese da sempre, ma frequento assiduamente la Brianza perché amo la quiete e la natura. In particolare adoro la Valsesia, la terra dei miei antenati paterni. Giornalista professionista "tuttologo", mi piace scrivere in particolare di politica e sport. Sono tifoso di tutte le squadre cittadine di qualsiasi disciplina e seguo da vicino le partite del Monza 1912, della Vero Volley Monza e della Saugella Monza. A proposito di pallavolo, l’ho praticata per 17 anni in società della zona, ma quando capita non mi tiro indietro a giocare a nulla, soprattutto se l’invito arriva da una esponente del gentil sesso… Mi piace molto navigare in internet, visitare mostre e monumenti e assistere a concerti, in particolare di musica folk e celtica.


Articoli più letti di oggi