27 Ottobre 2020 Segnala una notizia
La "Svuota carceri" mette fuori gli stalker, la Brianza insorge

La “Svuota carceri” mette fuori gli stalker, la Brianza insorge

1 Agosto 2013

Subire violenza dalla persona che si ha avuto accanto per anni, è un’esperienza devastante. Lo stesso vale quando qualcuno che non conosciamo o a cui abbiamo dato poca confidenza, decide di trasformarsi in un persecutore. Ora il Parlamento ha fatto si che i responsabili non vadano in galera, scatenando la reazione indignata delle vittime anche in Brianza.

Ci sono voluti anni perché la legge si adeguasse all’emergenza ed istituisse il reato di “Stalking”. Il nuovo provvedimento legislativo denominato “svuota carceri“, ha però intaccato la condanna che ne consegue. Le associazioni e le vittime del territorio non ci stanno, e promettono battaglia «Non possiamo rimanere con le mani in mano, ogni giorno qualche donna viene ammazzata o stuprata e il Parlamento che fa? – Domanda sarcasticamente la presidente dell’associazione White Mathilda di Desio – Peggiora la situazione depenalizzando i reati e restringendo la tutela delle vittime».

Luisa Oliva lancia un appello alle Istituzioni e perché rivedano le ultime decisioni in merito alle violenze e allo stalking. Dall’inizio dell’anno gli sportelli dell’associazione di Limbiate, Arcore e Bollate hanno avuto 124 accessi «Le vittime non hanno voce – continua Oliva – hanno bisogno di aiuto e di ascolto, non del silenzio ripetuto delle Istituzioni. Decisioni del genere sembrano volerle abbandonare a se stesse». Con questa modifica il Parlamento ha approvato una proposta che decreta il tetto massimo di condanna a 4 anni, di fatto non facendo scattare la custodia in carcere per lo stalker. «Una donna si rivolge si rivolge a noi perché picchiata dal marito, davanti ai figli – racconta l’avvocato dell’associazione Isabella Ferrario – Facciamo la querela, il processo, lui si prende una condanna prevista nei limiti del decreto e cosa succede? All’aguzzino vengono concessi gli arresti domiciliari, dove? A casa con le vittime? Si sporge querela per allontanarlo, per poi ritrovarselo in casa 24 su 24? Questo vuol dire aggravare la posizione della vittima, specie se non ha indipendenza economica».

Delusione, rabbia, è ciò che provano le vittime «Provare queste sensazioni per capire cosa vuol dire cari miei – dichiara N.P., vittima di stalking – siamo stanche di non essere tutelate, siamo stanche della mancanza di giustizia. Dico solo che così non si può continuare, le persone sono stufe».

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Carate Brianza, lavori socialmente utili. C’è l’accordo con il Tribunale di Monza

Una significativa novità per Carate Brianza che, per la prima volta,  ha stipulato un'importante convenzione con il Tribunale di Monza per la realizzazione di lavori socialmente utili.

Stop ai teatri, Spinelli del Nuovo di Arcore: “Abbiamo investito in sicurezza, Ma cosa è servito?”

Gianni Spinelli, direttore artistico del Cineteatro Nuovo di Arcore, ha parlato degli investimenti fatti negli ultimi mesi e dei numeri, molto bassi, dei contagi avvenuti nei in cinema e teatri in questi mesi.