05 Dicembre 2020 Segnala una notizia
"Re Giorgio quanto mi costi"...

“Re Giorgio quanto mi costi”…

7 Luglio 2013

Monza deserta. 7 luglio e per la prima volta arriva il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ma ad attenderlo lungo viale Cesare Battisti poche centinai di persone. I più non sanno neppure chi sta per giungere ma visto il gran dispiegamento di forze dell’ordine la curiosità li ha spinti a restare, ma soprattutto a commentare.

«Va beh che è il presidente ma tutto questo dispiegamento di forze dell’ordine mi sembra un’esagerazione – dice un uomo ad un suo amico e aggiunge – Quel elicottero, poi, è da questa mattina che vola, e sai chi paga il carburante? Noi!» «Se c’è da mettere i soldi per i servizi, ti dicono che non ne hanno, ma figurati se li hanno tagliati per i protocollo!» Il dialogo va avanti diversi minuti e gli argomenti sono quelli che potete immaginare, un po’ sullo stile si stava meglio quando si stava peggio (che oggi è più vero che mai, ndr).

Poca gente ad accogliere “Re Giorgio” e quella poca, gente comune, mica ”No tav” o “No Pedemontana” e etc, aveva il cuore freddo. Sì quello che ha intrattenuto molti davanti alla villa Reale era pura curiosità e non il senso di rispetto per l’istituzione. L’attesa per il Presidente. C’era persino chi parlava del fatto che ad arrivare non era Silvio Berlusconi, ma Napolitano. Teste scosse, insomma, per esprimere un dissenso silenzioso ed educato, ma che metteva in luce la distanza che ormai c’è tra la politica e la gente comune. «Quante auto blu!», «Quanti carabinieri, finanziari e polizia! Ma cosa pensano che ce lo vogliamo portar via?». E poi il solito ritornello «Sai chi paga? Pago io, e visto che è domenica pago doppio!».

Nel frattempo “Re Giorgio” arriva, corre lungo viale Cesare Battisti quello dove un tempo un anarchico mise fine alla vita proprio del re (ma si trattava di Umberto I). Napolitano passa via veloce (e indenne per fortuna, ndr) , il finestrino appena abbassato e con la mano accenna un saluto ai quattro gatti che sono lì incuriositi. Qualcuno gli sorride, ma di tricolori non ce n’erano.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Commenti

  1. Ma cosa avrà capito Napolitano? Forse avrà pensato che è colpa del caldo se nessuno si è interessato a lui. Ma non ci saranno neppure due righe in cronaca , a Roma di questo successo del presidente….W il 1789 !

    • Tutta la gente che protesta come te, che sghignazza come te, sarebbe la prima a godersi e rimanere attaccata alla poltrona con le unghie, se ne avesse modo. Invece di incitare alla rivoluzione, cercate di lavorare affinchè ci sia gente pulita in politica. Regole, ferree, altro che rivoluzione francese.

  2. Sandro dice:

    Oh ma perchè non andate bonini a vivere in una comune? Che ci sarà mai di strano a fare sicurezza intorno al Presidente poi, lo si fa in tutti i paesi. Gli italiani stanno diventando un popolo di invidiosetti cattivi, no questo, no quello, no tutto. Va bene che ci girino per l’economia che non va, per il politico ladro, ma però figlioli miei siete una lagna totale. Mi piacerebbe vederli, quelli con le biciclettine come sarebbero boni a governare

    • caro sandro,non si capisce lo spiegamento di forze per portare alla villa un novantenne..han fatto togliere le auto dalle strade( viale lombardia) bloccato il traffico per mezz’ora sotto il sole..e per cosa? temevano un attentato stile Kennedy?? ma va..

      • Caro Marco, quando la gente è ignorante, nel senso che ignora il perchè delle cose, spesso parla a vanvera… Le forze dell’ordine, non sono così dispiegate per proteggere Napolitano, ma per proteggere la gente, anche quella che magari protesta, da qualche testa di ….. che magari si presenta con una bombetta fatta in casa, o armato fino ai denti come il vigile esaurito che ha sparato al sindaco o al povero carabiniere a Palazzo Chigi. Ecco a cosa servono. Ma ragazzi miei, ma cosa vi lamentate. In America altro che…Ci sarebbero stati cecchini in strada, in casa della gente e se uno osava sgarrare, lo portavano in galera. E’ proprio vero, siamo alla deriva.

  3. MassimoC dice:

    Una passerella di politici e addetti ai lavori. Più che giusta, quindi, l’indifferenza totale della popolazione. Io non ero in città, ma qualora vi fossi stato, avrei fatto altrettanto.
    Mi chiedo cmq per quale motivo abbiano fatto l’inaugurazione a Monza, anzichè a Milano, dato che fino a prova contraria il ritorno d’immagine sarà esclusivamente per il capoluogo meneghino. E infatti i media nazionali hanno intervistato Pisapia, Scanagatti e Allevi non li hanno calcolati nemmeno di striscio. Cosa dobbiamo dedurne? L’ennesimo tentativo di Milano di riacciuffare il “suo” territorio perso?

Articoli più letti di oggi