02 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Pirata scarcerato, famiglia Papetti sconvolta

Pirata scarcerato, famiglia Papetti sconvolta

19 Luglio 2013

Il Gip del Tribunale di Milano ha scarcerato ed associato ai domiciliari El Habib Gabardi, il marocchino di 39 anni si è costituito ai carabinieri ad una settimana dal tragico incidente che lo ha visto protagonista dell’investimento mortale di Beatrice Papetti e della successiva fuga. La famiglia della sedicenne, appresa la notizia, è in preda allo sconforto ed alla rabbia.

El Habib Gabardi, commerciante di stoffe di Roncello, intorno alla mezzanotte del 10 luglio scorso ha percorso la ss11 di Gorgonzola, investendo la giovane ragazza che, insieme al cugino tornava a casa. Beatrice, 16 anni, è stata sbalzata di 70 metri dal luogo dell’impatto, Gabardi è fuggito senza nemmeno fermarsi «Gli incidenti possono capitare – aveva dichiarato il giorno dopo il padre della vittima – ma ti fermi. Se hai coscienza ti fermi».

Il pirata, della strada dopo l’incidente, aveva nascosto la sua auto perché nessuno potesse vederla, notarla, o ricollegarla a lui. La sua “latitanza” di una settimana prima di costituirsi, per la famiglia Papetti non è assolutamente indice di pentimento «Sapeva che lo avrebbero preso – ha dichiarato due giorni fa Nerio ai giornalisti – una persona non nasconde l’auto, non impiega così tanto tempo e poi si pente».

Questa mattina il Gip del Tribunale di Milano, dopo l’interrogatorio di garanzia di giovedi, ha deciso per gli arresti domiciliari di Gabardi. «E’ una decisione inaccettabile – prosegue Papetti – non è normale. Questa persona ha la famiglia all’estero, scapperà. Le leggi italiane hanno ucciso mia figlia una seconda volta, all’estero non è così».

 

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi