04 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Ospedale San Gerardo, commissario “boccia” la dirigenza. È scontro politico

Ospedale San Gerardo, commissario “boccia” la dirigenza. È scontro politico

18 Luglio 2013

Licenziati da chi pare non possa licenziare, sebbene non ci siano «particolari problemi». All’ospedale San Gerardo di Monza ci si prepara per la mega ristrutturazione da 207 milioni di euro e il commissario straordinario, Simonetta Cinzia Bettelini, a meno di 45 giorni dall’inizio del cantiere, silura i due più alti dirigenti della struttura, il direttore sanitario Antonio Bonaldi e il direttore amministrativo Valentino Colao. Ma c’è chi non è d’accordo.

Pare che il direttore generale della sanità lombarda, Walter Bergamaschi, abbia reso noto che la Bettelini, commissario in carica fino al prossimo 31 dicembre e non direttore generale nominato, non abbia le facoltà di lasciare a casa proprio nessuno. E quindi? «E quindi la situazione andrebbe chiarita a livelli che non sono i miei», per usare le parole di un diretto interessato, Antonio Bonaldi, che illustra, qualora ce ne fosse bisogno, che la lotta intestina ai piani alti del nosocomio monzese è un affare meramente politico e conferma l’intervento dell’alto dirigente regionale.

Gli schieramenti sono noti: da una parte la quota Carroccio con l’alfiere Simona Bettelini e dall’altra gli azzurri del Pdl, con lo stesso Bergamaschi. Le due “teste saltate” sono gli uomini di Francesco Beretta, fedelissimo di Formigoni, ciellino, ex direttore generale del San Gerardo, dimessosi a sorpresa lo scorso marzo quando l’aria della sanità lombarda si era fatta piuttosto viziata a causa degli scandali San Raffaele e Maugeri.

«Confermo la vicenda ma non sono in grado di aggiungere notizie, – commenta telefonicamente Bonaldi – perché non ho appreso le motivazioni. Che parlino le figure che realmente conoscono la situazione. Non capisco quale sia la portata e quali saranno le conseguenze. Continuo a fare il mio lavoro e sarà regolarmente al mio posto fino al 31 luglio (Bettelini ha licenziato i dirigenti il primo luglio, dando loro un mese di tempo per “sgomberare” la scrivania, ndr). Attendo informazioni definitive, evidentemente ci sono altre interpretazioni, che mi sfuggono».

Interpretazioni che proviamo a farci raccontare dagli altri attori: Bettelini non risponde, Bergamaschi è in riunione, Colao non ha richiamato, evidentemente preferisce non parlare.

Tra 45 giorni il “la” al cantiere.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi