06 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Ex insegnate stalker condannato ma libero con la condizionale

Ex insegnate stalker condannato ma libero con la condizionale

19 Luglio 2013

Ha patteggiato ed ottenuto una condanna a un anno e quattro mesi con pena sospesa ed un risarcimento simbolico. Se la cava così il professore che per due anni ha minacciato e fatto violenza psicologica sua sulla ex alunna minorenne e la sua famiglia e che, mentre attendeva il processo, ha riaperto il profilo facebook, inviato sms minatori alla madre della vittima e forse (gli inquirenti sono già al lavoro per risalire all’identità del possessore di un profilo falso) anche inviato nuove minacce di morte.

Anni interminabili fatti di minacce verbali, diffamazioni e persecuzioni a mezzo web, telefonate nel cuore della notte, auto di amici danneggiate, hanno caratterizzato la vita di G., studentessa monzese che ha da poco raggiunto la maggiore età. Il responsabile degli ignobili atti, è un 35enne.

L.M., ex insegnante di educazione fisica a scuola, affascinato da una sua studentessa minorenne, aveva deciso di farle la corte. La giovane, lusingata dalle attenzioni di un uomo più grande, aveva acconsentito a frequentarlo anche al di fuori dell’ambiente scolastico. Quando il 35enne professore però, ha preteso di più, la ragazzina lo ha respinto. Da allora è iniziato il calvario di un’intera famiglia che, per sfuggire alla sua persecuzione, ha addirittura dovuto cambiare casa ed abitudini. «E’ stato un inferno – dichiara la madre della vittima – ha creato danni a tutta la famiglia, oltre che danneggiato profondamente la serenità di mia figlia».

Nelle 650 pagine del fascicolo di indagine, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica Alessandro Pepè, vi sono raccolte tutte le angherie a cui G. è stata sottoposta per oltre due anni. L.M., oltre ad averla minacciata ripetutamente, aveva anche inserito i numeri di telefono della sua famiglia su alcuni siti pornografici, portando scompiglio fin negli ambienti di lavoro dei genitori della ragazza ed allontanando quest’ultima dai suoi amici. Arrestato per aver violato i ripetuti moniti secondo i quali avrebbe dovuto mantenere le distanze dalla vittima, L.M, ha poi chiesto ed ottenuto di patteggiare la pena.

Questo pomeriggio, presso il Tribunale di Monza, L.M. è stato condannato ad un anno e quattro mesi con pena sospesa ed un risarcimento simbolico. Le sue minacce però, non si sarebbero placate. A giugno la madre della vittima avrebbe ricevuto nuovi sms di minaccia e prima ancora, G. è stata nuovamente raggiunta da un messaggio minatorio “Prima o poi ti trovo e ti ammazzo”. Il monito di morte è stato recapitato attraverso internet con un alias, sui cui gli investigatori stanno già lavorando per capire se si tratti del medesimo soggetto.

«Siamo soddisfatti del capillare lavoro svolto dagli investigatori – dichiara il legale della vittima, Avvocato Giamboi – ci auguriamo che questa persona si plachi e lasci alla ragazza la possibilità di proseguire la sua vita». A latere della sentenza e del lavoro degli investigatori, casi come questo spalancano i già esistenti interrogativi sulla normativa vigente in materia di violenza sulle donne e stalking. I troppi casi su tutto il territorio nazionale, dovrebbero far riflettere sull’opportunità di inasprimenti di pene quali la perdita della possibilità di patteggiare, in presenza di minacce di morte. Gli strumenti legislativi attualmente esistenti, oltre a non tutelare le vittime dopo la sentenza, non possono essere giudicati sufficienti per sanare moralmente gli anni e la consistenza dei soprusi subiti dalle vittime.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi