04 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Variante Sp6 cantiere “spreco”: 12 anni e 20 mln

19 Giugno 2013

Monza-Variante-Sp6Una strada lunga poco più di un chilometro, costata 20 milioni di euro (fino a ora) iniziata pù di dieci anni fa. Non è è la Salerno – Reggio Calabria, anche se sembra, ma la variante alla Sp 6 dell’ospedale San Gerardo, nota anche come “tangenzialina”.

E’ stata progettata a metà degli anni Novanta per alleggerire il traffico nella zona Nord di Monza, dove appunto si trova l’ospedale, ma non è ancora finita. Intoppi burocratici, scelte politiche, mancanza di fondi e persino discariche abusive sotterranee ne hanno rallentato la marcia. Adesso, al traguardo finale, mancano 360 metri di galleria più un altro breve tratto e a meno di sorprese l’intervento dovrebbe essere appaltato dalla Provincia di Monza il prossimo settembre (costo 12 milioni di euro e i cantieri dovrebbero essere aperti entro l’anno). “Così – ha commentato Francesco Giordano assessore provinciale alla Viabilità -, anche se la Provincia sarà cancellata, lascerò l’incarico con la consapevolezza di avere scritto la parola fine su di una telenovela”.

La prima puntata risale al lontano 2000, quando la Provincia di Milano, dopo alcuni anni di progettazione, diede via libera ai lavori con una previsione di spesa di 6 milioni e mezzo.variante-sp6-2-monza-mb Il primo intervento realizzato fu il ponte sopra la ferrovia. Poi, venne costruito un tratto in trincea alle spalle della struttura sanitaria, ma quando si sarebbe trattato di iniziare a scavare per realizzare un tunnel, i lavori si fermarono a causa di una discarica sotterranea che nessuno aveva individuato, nemmeno in fase di ispezione geologica, e visto che parte di quei 6 milioni e mezzo vennero spesi proprio per la bonifica, l’opera finì per arenarsi.

Con l’insediamento della nuova giunta provinciale targata Pdl – Lega, nel 2009, sembrava che il progetto stesse per ripartire. Vennero effettuati degli aggiornamenti e anche il finanziamento venne incrementato fino a 8 milioni, ma alla fine non successe nulla.

La realtà, sottolinea l’assessore Giordano, è che «questo progetto è il simbolo di come Milano ha sempre considerato di secondaria importanza gli interventi in Brianza. Al momento della creazione della Provincia di Monza, quando ci hanno trasferito la competenza, si sono dimenticati i soldi e l’illuminazione».

Domenico Guerriero, capogruppo in Consiglio provinciale, punta però il dito anche contro l’attuale giunta Allevi. <La responsabilità di questa situazione ricade sulla giunta provinciale di Monza – ha concluso -. Per due anni ha perso tempo puntando su altri progetti di importanza secondaria  come la rotonda di Malcantone>.

Infine, ecco anche l’interessante contributo dato anche dalla redazione di MB Reporter: guarda il video

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi