30 Novembre 2020 Segnala una notizia

Monza ai playoff con Armstrong e senza Seedorf

12 Maggio 2013

Armstrong-monza-calcio-mbChe domenica memorabile per l’Ac Monza Brianza: batte il Fano col roboante punteggio di 7-3, si qualifica ai play-off da quinta classificata (sarebbe stata prima e dunque promossa direttamente in Prima Divisione senza la penalizzazione di 6 punti) e si sbarazza del duo olandese dei disastri sportivi e amministrativi formato dal calciatore Clarence Seedorf e dall’armatore Jan Lagendijk.

Alle ore 18, dunque un’ora e un quarto dopo la fine della partita, in un ufficio di Milano i legali del costruttore anglobrasiliano Anthony Armstrong Emery hanno firmato per procura il contratto d’acquisto della centenaria società biancorossa.

La grande novità, giunta a sorpresa, è che il simpatico proprietario della multinazionale EcoHouse Group non ha lasciato nulla alla precedente proprietà. Secondo indiscrezioni, avrebbe approfittato dello stato di grave crisi finanziaria del club (ha talmente le casse vuote che è stata convocata un’assemblea straordinaria dei soci per una ricapitalizzazione il 20 maggio prossimo) per mettere Seedorf e compagnia con le spalle al muro: “O mi lasciate il 100% anziché il 90% o me ne vado”. Di fronte all’aut aut, che avrebbe significato la consegna dei libri sociali in tribunale con tutte le conseguenze legali del caso a infangare l’immagine del “divo” del Suriname, l’agente mandataria per le trattative di cessione Deborah Martin, consultato Seedorf, sarebbe stata costretta ad abbassare la testa e ad accettare le condizioni imposte. Per cercare di salvare la faccia, la stessa Martin ha poi inviato un sms ai giornalisti per comunicare la rinuncia di propria sponte degli attuali finanziatori a rimanere ancora tali seppur con una quota di minoranza.

Armstrong-Anthony-Emerycalcio-monza-mbTrionfo dello stratega Armstrong o messinscena, come qualcuno ipotizza pensando alle foto conviviali del costruttore col “distruttore” Seedorf e suo cugino Stefano, che gioca nell’Alecrim, la squadra brasiliana del neoproprietario del Monza? Chi vivrà vedrà. Intanto godiamoci la festa.

A fine partita Armstrong si è separato dalla moglie e dai tecnici dell’Alecrim al seguito (mica ci “saccheggeranno” la squadra?!?) ed è sceso in campo, ha preso il microfono in mano e davanti alla tribuna ha entusiasmato con poche ma efficaci frasi, tutte (o quasi) azzeccate: “Questa è la prima e ultima volta che vi parlo in inglese perché vi prometto che la prossima volta parlerò in italiano. Qui ho trovato la mia nuova casa: è rossa e bianca. Adesso dobbiamo mettere da parte la storia (eh no, Anthony, quella non si tocca, a parte gli ultimi 4 anni, ndr) e guardare al futuro. Io farò la mia parte per portare il Monza ai successi di una volta. Un’ultima cosa: Forza Monza (urlato mostrando gagliardo la sciarpa biancorossa)!”. Poi si è spinto sotto la curva Sud e agli ultras ha detto: “Insieme vinceremo: tutti voi, tutti noi”.

calcio-monza-fano-in-campo-giocatori-mb

Lo show, ben poco anglosassone ma genuinamente latino, è proseguito prima nell’atrio dello stadio (“Mi sono congratulato con la squadra dicendo ai giocatori che oggi mi hanno reso davvero felice. Non faccio promesse, ma farò di tutto per riportare il Monza nelle categorie dove ha sempre militato.

La più grande emozione di oggi? I 7 gol! Perché ho accettato di comprare il Monza? Perché da appassio nato di Formula 1 mi affascinava questa città”) e successivamente in sala stampa (“I precedenti azionisti non avevano il Monza tra le loro priorità.

Oggi, per la prima volta in 5 mesi di contrattazione, si sono comportati responsabilmente. Domani incontrerò il sindaco già da nuovo proprietario. Ma io voglio fare anche il presidente”).

In sala stampa ha parlato anche l’amministratore unico Maurizio Prada, che ha cominciato a togliersi i sassolini dalle scarpe, forte anche della notizia giunta via sms della “liberazione” dagli olandesi. Ma la frase più bella l’ha riservata per i giocatori: “Premio promozione? Possono dar loro anche la luna, ma non cambierebbe nulla riguardo al loro impegno”.

 

calcio-monza-fano-mb

Della partita che dire? Il risultato si commenta da sé… La cosa che lascia di stucco è che a Tonino Asta mancavano per squalifica Puccio, Franchino e Grauso, per infortuni e malattie Miello, Calliari, Polenghi, Gasbarroni, Finotto, Cattaneo e Nitride, questi ultimi due accomodatisi in panchina per eventuali situazioni d’emergenza. Hanno dunque giocato dall’inizio Franchini, Bugno, Morao, Laraia e Ravasi e poi sono subentrati Bi Zamble, Fronda e Marioli, che ha esordito da professionista.

Pronti via e il Monza è già sul 3-0: a De Cenco, Ravasi e Anghileri piace da matti il gruviera che si trovano di fronte, cioè la difesa del Fano, che per evitare la retrocessione diretta avrebbe dovuto vincere e sperare che il Vallée d’Aoste perdesse in casa col Forlì. Negli ultimi 10’ del primo tempo il subentrato Cazzola e il difensore centrale Romito riescono a rimettere in carreggiata i marchigiani, ma nel recupero il brasiliano De Cenco richiude la pratica.

In avvio di ripresa due incredibili autoreti dei granata trasformano la partita in farsa. Col settimo gol, di Valagussa, il Monza si ferma volontariamente, permettendo ai granata di andare a segno con Del Core. Al 90’ l’arbitro non recupera nulla. Il Monza disputerà le semifinali play-off col Bassano: chi vincerà incontrerà in finale o l’Unione Venezia o il Renate. In Prima Divisione, dopo il Savona, è stata promossa la Pro Patria. Il Fano, invece, raggiunge in Serie D il Milazzo e il Casale. Il Vallée d’Aoste giocherà i play-out col Rimini: chi perderà andrà giù, l’altra affronterà la quintultima del Girone B.

calcio-monza-fine-conferenza-stampa-mbIn sala stampa Asta si è presentato circondato da tutto lo staff tecnico: “Devo ringraziare tutti loro per le qualità professionali e umane. Sul campo siamo arrivati primi, ma purtroppo è un risultato che serve a poco per i motivi che sappiamo. Dopo il pareggio casalingo col Milazzo pensavo che non ce l’avremmo fatta, ma tutti i ragazzi hanno fatto in modo che si ribaltasse una situazione che sembrava compromessa. Il Bassano? È un’ottima squadra, che sarebbe stato meglio affrontare al ritorno in casa. Il nuovo proprietario? Monza aveva bisogno di una scossa: lui oggi l’ha data. Quest’anno si è costruito un bel giocattolo: speriamo ci si diverta ancora…”.

Il direttore tecnico Gianluca Andrissi non si “sarebbe mai aspettato una giornata di festa così importante. Molto merito è di Asta, che la scorsa estate ha scelto Monza tra otto società. La nostra è la squadra che nel girone ha fatto più punti e subito meno gol e in tutta la Lega Pro è quella che ha fatto più gol segnati da ragazzi del 1992 o più giovani. Lo sottolineo per ricordare l’importanza del nostro vivaio”.

Il prossimo importante appuntamento è la conferenza stampa di Armstrong, prevista tra giovedì e sabato: verranno spiegati i dettagli dell’operazione d’acquisto del Monza e i progetti per il futuro. In attesa di ballare la samba, però, bisognerà innanzitutto bersi una grappa a Bassano.

_______________________________________________

MONZA BRIANZA-ALMA JUVENTUS FANO 7-3 (4-2)

MONZA BRIANZA (4-3-3): Castelli; Anghileri (34’ s.t. Marioli), Giorgi, Franchini, Bugno (17’ s.t. Fronda); Vita, Morao, Valagussa; De Cenco (10’ s.t. Bi Zamble), Ravasi, Laraia. A disposizione: Pazzagli, Nitride, Cattaneo, Forni. All.: Asta.

ALMA JUVENTUS FANO (4-4-2): Proietti Gaffi; Sbardella (19’ p.t. Cazzola), Fantini, Romito, Amaranti; Colombaretti, Trillini, Sevieri (24’ s.t. Evangelisti), Berretti; Tonani (15’ s.t. Proia), Del Core. A disposizione: Tonelli, Merli Sala, Petti, Muratori. All.: Gadda.

ARBITRO: Paolini di Ascoli Piceno.

MARCATORI: 6’ p.t. De Cenco, 17’ p.t. Ravasi, 19’ p.t. Anghileri, 36’ p.t. Cazzola, 44’ p.t. Romito, 47’ p.t. De Cenco, 3’ s.t. Romito (aut.), 8’ s.t. Proietti Gaffi (aut.), 20’ s.t. Valagussa, 37’ s.t. Del Core.

NOTE: calci d’angolo 2-11; ammoniti De Cenco, Berretti, Amaranti, Del Core e Romito; recupero 2′ e 0′; spettatori paganti 671 per un incasso di 4383 euro, abbonati circa 300.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi