28 Novembre 2020 Segnala una notizia

Giro d’Italia: la volata va al solito Cavendish

9 Maggio 2013

lampre-merida-volata-giro-2013E’ già difficile battere Cavendish in volata, ma se durante lo sprint sei costretto a frenare più volte e a rilanciare l’azione, l’impresa diventa impossibile.

Roberto Ferrari, velocista della LAMPRE-MERIDA, nel finale della 6^tappa del Giro d’Italia (Mola di Bari-Margherita di Savoi) ha dovuto fare i conti con uno sprint particolarmente combattuto e poco lineare, nel quale ha trovato la strada sbarrata in almeno tre occasioni, dovendo di conseguenza toccare i freni e perdendo le posizioni migliori attorno a Cavendish nella testa del gruppo.

La situazione per il corridore bresciano si era fatta ancora più complicata dato che il compagno di squadra Pozzato, designato come suo pilota per lo sprint, aveva dovuto inseguire dopo che una caduta all’ingresso del circuito finale (32 km all’arrivo) aveva spezzato il plotone il due tronconi.

La volata (foto Bettini) è stata dominata da Cavendish, con Ferrari 10°.
“Purtroppo Pippo è incappato nella grossa caduta e si è riaccodato dopo alcuni chilometri al gruppo, spendendo energie per rientrare – ha spiegato Ferrari – Mi sono portato nelle prime file già a circa 7 km dall’arrivo, perché altrimenti sarebbe stato molto faticoso risalire il plotone. Tenere le posizioni si è rivelato però molto difficile, da dietro alcuni corridori hanno rimontato e mi sono trovato un poco chiuso sul rettilineo finale. Al momento di ripartire, ho dovuto subito frenare una prima volta e ripartire, poi ancora un paio di colpi di freno ed ecco che la volata era ormai persa”.

Oltre a Pozzato, nella caduta sono rimasti coinvolti direttamente o comunque hanno dovuto mettere piede a terra Durasek (contusione alla mano destra), Serpa (contusione anca destra), Stortoni, Niemiec e Cattaneo.
Scarponi, scortato da Pietropolli, è riuscito a evitare l’incidente: “Questa volta mi è andata bene, mi spiace per i miei compagni, considerando anche che Ferrari ha perso la possibilità di avere al fianco qualche uomo per lo sprint.
La tappa di oggi è stata per me significativa perché ho potuto apprezzare i vantaggi della bici Merida Reacto Evo: ho scelto di usarla per poter beneficiare di una migliore penetrazione nell’aria, elemento che in una tappa così rapida è risultato essere significativo”.

ORDINE D’ARRIVO
1- Cavendish 3h56’03”
2- Viviani s.t.
3- Goss s.t.
4- Bouhanni s.t.
10- Ferrari s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1- Paolini 23h52’42”
2- Uran Uran 17”
3- Intxausti 26”
4- Nibali 31”
5- Hesjedal 34”
20- Scarponi 1’23”
21- Niemiec s.t.


fonte: ufficio stampa Lampre-Merida

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi