27 Novembre 2020 Segnala una notizia

Processo infinito. Sentenza confermata in appello

23 Aprile 2013

milano-tribunaleHanno trasformato la Brianza in una costola della Calabria, distribuendosi il territorio ed infiltrandosi trasversalmente nel tessuto economico, politico e sociale. Ieri, la Corte d’Appello di Milano ha confermato le 110 condanne di primo grado, relegando dietro le sbarre coloro che, per anni, si sono fatti beffa della memoria dei giudici Falcone e Borsellino, organizzando riunioni tra “boss”, nella sala comunale di Paderno Dugnano a loro dedicata.

Alcune pene sono state ridotte, nel secondo appuntamento del processo di rito abbreviato dei soggetti appartenenti all’Ndrangheta lombarda, con la più alta a 15 anni e tre mesi.  A scoprire l’esistenza dell’Ndrangheta in Brianza e nel resto della regione, è stata una maxi inchiesta dei carabinieri del Gruppo Monza, in particolare Compagnie di Desio e Seregno che, coordinate dal Sostituto Procuratore Salvatore Bellomo, è stata denominata “Infinito”. 

L’organizzazione ‘ndranghetista, era dedita ai più disparati reati, dalle rapine, all’usura, alle minacce, all’acquisizione di società, alla commissione di omicidi. Indimenticabile l’istantanea che ritrae alcuni degli imputati attorno ad un tavolo, nella sala comunale di Paderno, il 31 ottobre 2009.

Il “summit” in cui i capi danno disposizioni, rimproverano i “cani sciolti” riportandoli all’ordine, dispongono obbiettivi e commissionano reati, si svolgeva proprio nella sala dedicata al valore ed al sacrificio dei massimi esponenti della giustizia italiana, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.  Arrestati i boss, condannati secondo rito abbreviato alcuni, secondo ordinario altri, la Procura di Monza ha spento le luci su uno dei più tristi capitoli criminali della Brianza.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi