02 Marzo 2021 Segnala una notizia

Monza-Renate 2-1. Fuochi d’artificio tra i due allenatori

10 Marzo 2013

Monza-Stadio-Brianteo-MBStavolta il derby provinciale è appannaggio del Monza: dopo le sconfitte in Coppa Italia Lega Pro e in campionato nella gara di andata, i biancorossi superano di misura (2-1) il Renate al termine di un match rovente sia in campo, che in panchina, ma anche in tribuna, dove erano presenti alcune decine di tifosi delle pantere.

La truppa di Tonino Asta ha vinto perché doveva farlo per continuare a cullare i sogni di play-off: un mix di determinazione e fortuna ha portato i frutti sperati nel primo dei 5′ di recupero accordati dall’arbitro romano Marini, contestatissimo durante e a fine partita dagli ospiti. Per i nerazzurri è stata una giornata di tregenda: al 21′, nella prima azione pericolosa dei padroni di casa, il fischietto laziale assegna un rigore a loro favore (poi trasformato da Gasbarroni) ed espelle il portiere Santurro a seguito di uno scontro al vertice sinistro dell’area; nella ripresa, al 24′ l’arbitro estrae il cartellino rosso anche per Morotti dopo la seconda ammonizione, al 46′ il Monza trova la rete della vittoria con un colpo di testa di Valagussa, in sospetta posizione di fuorigioco, a ribattere una palla che Vita aveva spedito sulla traversa e al 48′ il direttore di gara espelle anche il medico e subito dopo l’allenatore delle pantere Antonio Sala per proteste. Alla fine c’è stata baruffa anche in tribuna, dove il direttore sportivo del Renate, Gigi Abbate (ex del Monza come anche Sala), è stato aggredito da uno scalmanato. Le polemiche sono proseguite nell’atrio dello stadio, quando gli steward hanno impedito per 20′ a tutti, Abbate e tesserati di entrambe le società compresi, di entrare negli spogliatoi su ordine del commissario della Lega Pro.

Che il derby sarebbe stato bollente c’era da aspettarselo, sia per la posizione di classifica delle contendenti (entrambe in lotta per la promozione), che per gli strascichi polemici tra i due allenatori risalenti alla gara di andata. Asta, che ha preferito Giorgi a Cattaneo in mezzo alla difesa, è entrato dopo pochi minuti in clima partita urlando all’arbitro di tutelare i suoi giocatori, sovente messi giù con le cattive dai più esperti avversari. Sala gli ha risposto per le rime dandogli del “piangina”. I botti sono proseguiti per tutto il match per poi esplodere nel gran finale mostrato in sala stampa. Sala è infatti entrato, si è seduto, ha affermato che quanto visto oggi era una “cosa assurda”, che “nell’episodio del rigore, se questo c’era, non andava espulso il portiere perché non era chiara occasione da rete”, che “nell’azione del gol del 2-1 c’erano due giocatori in fuorigioco” e infine si è alzato e ha sentenziato: “Asta prima di parlare deve allenare. Non ha ancora messo il culo (bonjour finesse, ndr) su una panchina che già parla…”. Asta si è limitato a rispondere: “Ho trascorso sette anni sulle panchine del settore giovanile del Torino e quest’anno siedo su una panchina di Seconda Divisione, come lui…”. Per la serie che il mondo è fatto a scale: c’è chi scende e c’è chi sale… E infine: “Parlare del Renate? È senza dubbio una squadra da play-off. Il resto è aria fritta”.

Tornando alla partita, il Monza non ha saputo chiuderla dopo il gol del vantaggio. Poi al 42′ è stato beffato: sul calcio d’angolo battuto da Nicolò Galli si è avventato Gavazzi di testa e Grauso, sulla traiettoria, l’ha deviato involontariamente in rete spiazzando Castelli. Nella ripresa non è bastata la buona volontà per trovare il pertugio giusto. I tentativi di Gasbarroni, De Cenco, Valagussa e del subentrato Laraia o sono finiti alti o si sono infranti sul muro difensivo degli ospiti. E sì che Asta, dopo il cambio per infortunio di Giorgi con Cattaneo, aveva inserito Finotto e, appunto, Laraia, cioè due attaccanti per il centrocampista Calliari e il difensore Anghileri. Solo al 46′, grazie a un’iniziativa di Gasbarroni, il “mischione” in area nerazzurra ha fruttato il gol che vale 3 punti.

Per Asta si tratta di “una vittoria strameritata. Si lamentano dell’arbitro?!? Ma se c’era un altro rigore per fallo su Vita con espulsione del difensore!! La cosa mi lascia esterrefatto. Abbiamo disputato un grande primo tempo, mentre nel secondo non è stato facile affrontare una squadra chiusa. Comunque dobbiamo migliorare l’aspetto della concretezza: facciamo fatica a chiudere le partite. Mercoledì prossimo, nel recupero di Casale Monferrato, credo che opterò per un moderato ‘turnover’. Purtroppo in difesa Polenghi non è al meglio, Giorgi si è fatto male non so ancora quanto gravemente e Franchini recupererà dall’infortunio forse per il match di domenica prossima a Mantova”. Proprio a Giorgi il centrocampista Paolo Valagussa ha dedicato il suo quarto gol del campionato: “Sono dispiaciuto che stia ancora male. Oggi abbiamo disputato una buona partita, ma l’importante erano i 3 punti. I play-off? Certo che ci pensiamo”. Claudio Grauso da capitano ha raccontato un aneddoto e ha chiuso con una battuta: “Vi lascio immaginare cosa ho pensato quando verso la fine della partita, dopo che erano già entrati in campo altri due attaccanti, Valagussa mi ha detto che andava in area pure lui… Però oggi è comprensibile: dovevamo far di tutto per vincere. A proposito di Valagussa, anch’io vorrei dedicare il mio gol (alludendo alla sua autorete, ndr) a…”.

 

{xtypo_rounded2}   MONZA BRIANZA-RENATE 2-1 (1-1)

MONZA BRIANZA (4-3-2-1): Castelli; Franchino, Polenghi, Giorgi (12′ s.t. Cattaneo), Anghileri (27′ s.t. Laraia); Grauso, Calliari (22′ s.t. Finotto), Valagussa; Vita, Gasbarroni; De Cenco. A disposizione: Pazzagli, Bugno, Puccio, Ravasi. All.: Asta.

RENATE (4-3-2-1): Santurro; Adobati, Gavazzi, Bergamini, Morotti; Gualdi, Galli N. (10′ s.t. Malivojevic, 26′ s.t. Adorni), Mantovani; Zanetti, Gaeta (23′ p.t. Galli R.); Brighenti. A disposizione: Zita, Ferrari, Mastrototaro, Santonocito. All.: Sala.

ARBITRO: Marini di Roma.

MARCATORI: 23′ p.t. Gasbarroni (rig.), 42′ p.t. Grauso (aut.), 46′ s.t. Valagussa.

NOTE: calci d’angolo 8-4; ammoniti Valagussa, Polenghi, Franchino, Adobati, Mantovani e Gavazzi; espulsi al 20′ p.t. Santurro per interruzione fallosa di chiara occasione da rete, al 24′ s.t. Morotti per somma di ammonizioni e al 48′ s.t. il medico del Renate, Luigi Sesana, e Sala per proteste; recupero 1′ e 5′; spettatori paganti 328 per un incasso di 3171 euro, abbonati circa 300. {/xtypo_rounded2}

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi