02 Marzo 2021 Segnala una notizia

Soffocato dalla minestra, bimbo muore al San Gerardo

19 Marzo 2013

Monza-ospedale-San-Gerardo MBSi è soffocato con un cucchiaio di minestra e, dopo tre mesi di agonia, un bambino di tre anni è morto all’ospedale San Gerardo di Monza. Al dolore per la perdita del loro piccolo, per i genitori si prospetta anche il rischio di un’incriminazione per omicidio colposo.

E’ accaduto in provincia di Brescia, a Cortine di Nave, poco prima di Natale. Mentre il piccolo Ralph, 3 anni ed originario del Ghana, stava cenando, un cucchiaio di minestra gli è andato di traverso. Con il cibo nella trachea e senza aria nei polmoni, il piccolo è stato soccorso in casa dal personale paramedico inviato dal 118.

Trasportato d’urgenza all’ospedale di Brescia, il bambino è rimasto ricoverato post asfissia per due settimane. Le sue condizioni però, non sono migliorate, e l’ospedale ha quindi deciso di trasferirlo nel reparto di pediatria del San Gerardo di Monza. Accudito dalla mamma per tre lunghi mesi, Ralph non si è però mai ripreso.

Domenica sera, nonostante le cure intensive a cui è stato sottoposto, il piccolo è deceduto. La Procura di Brescia, che per atto dovuto ha disposto l’autopsia sul corpo del piccolo, ha anche aperto un fascicolo per omicidio colposo, dove la mamma del bambino risulta indagata.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi