27 Febbraio 2021 Segnala una notizia

Celebrato il giorno della memoria contro ogni forma di violenza

7 Febbraio 2013

Per commemorare, in forma solenne, tutte le vittime del terrorismo, della mafia e di ogni altra forma di criminalità, il Consiglio Regionale ha celebrato oggi il “Giorno della Memoria” con una cerimonia tenutasi questa mattina nell’Aula consiliare diPalazzo Pirelli.

Alla presenza della autorità civili e militari e dei parenti di coloro che hanno sacrificato la propria vita nell’adempimento del dovere e al servizio della Repubblica, dopo gli interventi del Presidente del Consiglio Regionale e del Presidente di Regione Lombardia, la cerimonia si è chiusa con un minuto di raccoglimento sulle note del “Silenzio fuori ordinanza”.
Il Presidente del Consiglio regionale ha rivolto un ringraziamento particolare a tutte le associazioni che con la loro attività promuovono il ricordo e la testimonianza di chi quotidianamente si è adoperato e si adopera al servizio della società e per la sicurezza e l’incolumità dei cittadini, le Forze dell’Ordine per prime, portatrici e testimoni dirette di valori più che mai attuali anche per le future generazioni. Ha quindi sottolineato come la celebrazione di oggi costituisca una sfida culturale ed educativa da rinnovare costantemente e come i familiari delle vittime hanno diritto ad avere giustizia e pene certe per gli assassini, evidenziando come la domanda di verità e giustizia non può e non deve cadere nel vuoto.
Sul fatto che dal 2005 Regione Lombardia ha voluto dare un segno concreto di vicinanza ai Servitori della Repubblica ricordando quanti sono caduti vittime del terrorismo, della mafia e di ogni altra forma di criminalità, si è soffermato il Presidente della Giunta regionale, che ha poi proposto all’attenzione generale l’esempio di persone che hanno offerto la loro stessa vita perché credevano in una convivenza civile basata sul riconoscimento dei valori di giustizia e sul rispetto del prossimo, valori fondanti della tradizione lombarda da preservare e trasmettere.
Il “Giorno della Memoria” è stato istituito dalla legge regionale n.10 del 2004, che prende spunto dall’omicidio di Renato Barborini e Luigi D’Andrea, agenti della Polizia di Stato uccisi entrambi il 6 febbraio 1977 in un conflitto a fuoco con la banda Vallanzasca al casello autostradale di Dalmine.

 

fonte: ufficio stampa Consiglio regionale della Lombardia

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi