08 Marzo 2021 Segnala una notizia

Omicidio di Sharna. Un anno dopo in attesa di soluzione

14 Gennaio 2013

omicidio-via-dannunzio-monzaLo zio è rientrato a casa e l’ha trovata morta, strangolata sul letto, un anno fa. Sharna, 18 enne sposata a forza in Bangladesh, suo paese di origine, aveva una storia con un altro connazionale, conosciuto in Italia, e sospettato del suo omicidio.

Nell’anniversario della sua scomparsa, la Procura di Monza potrebbe ottenere una proroga alle indagini, anche se il suo presunto carnefice è fuggito in patria poco dopo l’omicidio.

Una storia come tante, troppe se ne sentono e che hanno come protagonista un amore che finito male, dove a farne le spese sono le donne. Sharna Abdur Gafur aveva una sola colpa, essersi innamorata di un uomo diverso da quello scelto come suo compagno di vita dalla sua famiglia, e che era stata costretta a sposare nonostante non volesse.

Arrivata a Monza, a casa dello zio, proprio per un dissidio dovuto alla sua condizione relazionale, la giovane forse sperava di poter finalmente essere libera e vivere il suo amore con Hossein Mansum, suo connazionale di 26 anni con cui aveva allacciato una relazione extraconiugale. Ma Hossein, sposato a sua volta e padre di un bambino, forse non la vedeva nello stesso modo. Il giorno della morte di Sharna, particolare emerso dalle indagini degli inquirenti, Hossein si è spostato da Milano a Monza, zona San Rocco, proprio dove la giovane aveva trovato asilo a casa dello zio, in via D’Annunzio. Cosa sia accaduto però, è ancora tutto da ricostruire. L’unica certezza è la macabra scoperta effettuata dallo zio di Sharna, una volta rientrato a casa dal lavoro, verso le 18.

La giovane giaceva sul letto, con una sciarpa intorno al collo, priva di vita. Arrivati sul posto i soccorritori e i carabinieri della compagnia e del nucleo investigativo di Monza, non poterono che constatare la morte in seguito a strangolamento. Il tempo di ricostruire le vicissitudini amorose della giovane, e il presunto assassino aveva già preso un volo per rientrare in Bangladesh. Indagato per l’assassinio della giovane, il futuro giudiziario di Hossein é in mano alle relazioni diplomatiche tra Italia e Bangladesh data la mancanza di prove schiaccianti, necessarie per il mandato d’arresto internazionale.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi