05 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Lissone, assessore guarda alla Regione. Piovono critiche

29 Gennaio 2013

roberto berettaNemmeno un anno fa – maggio 2012 – e Lissone festeggiava una storica vittoria politica, con la coalizione di centrosinistra, capitanata da Concetta Monguzzi, capace di “mettere le mani” sulla città del mobile dopo decenni di egemonia verde e azzurra. Le promesse? Sempre le solite: tanto impegno e tanti cambiamenti.

Eppure, dopo nemmeno 12 mesi, c’è già chi pensa di migrare verso altri lidi. È il caso dell’assessore alla Trasparenza, Roberto Beretta, candidato a Regione Lombardia, a cui sono piovute addosso critiche in consiglio comunale – con relativa richiesta di dimissioni – e su Facebook, dove la sua bacheca è particolarmente “calda”.

Dopo nemmeno un anno e dopo aver inseguito a lungo il governo di Lissone, ritieni già concluso il compito cittadino?

Assolutamente no. Mi dispiacerebbe lasciare Lissone, dove stiamo lavorando molto bene.

Dunque perché questa candidatura?

Intanto, una premessa: fino a sei mesi fa nessuno poteva immaginare queste elezioni. Gli altri anni, come Listone, siamo stati a guardare, ma quest’anno “Patto Civico” e la candidatura di Umberto Ambrosoli, che a livello regionale replica esattamente quanto abbiamo cercato di fare a Lissone, è stata la svolta. Hanno chiesto sostegno a varie realtà civiche, tra cui la nostra, e abbiamo accettato: è un’occasione storica e giusta per confermare che non terminiamo a livello locale. Il candidato doveva essere Antonino Zagari (consigliere comunale Listone, ndr), ma dopo l’incidente in macchina dello scorso dicembre il testimone è passato a me.

Non temi di prestare il fianco alle critiche? Avete sempre specificato di “essere diversi”, proponendo una politica differente, poco attenta alle poltrone. Questa candidatura rischia di smentirvi?

Intanto, senza di me non crollerebbe la giunta. E poi, perché a Desio, dove abbiamo un vicesindaco candidato alla Camera e un assessore alla regione e una coalizione di governo simile alla nostra, non ci sono tutte queste polemiche? Da una parte mi dicono di restare, dall’altra di dimettermi subito: mi vogliono o non mi vogliono? Sembrano attacchi personali e sono consapevole di dare fastidio, ma non vedo davvero il problema: se l’avessi visto ci avrei pensato mille volte prima di candidarmi.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi