08 Marzo 2021 Segnala una notizia

Il futuro dell’agricoltura biologica: la Commissione apre una consultazione online

27 Gennaio 2013

Nell’ambito del riesame della politica europea in materia di agricoltura biologica, la Commissione europea ha deciso di lanciare una consultazione online aperta a tutti i cittadini interessati a partire dal 15 gennaio fino al 10 aprile 2013.

La Commissione, che si è già occupata di consultare gli operatori del settore, intende ora rivolgersi direttamente ai consumatori per conoscere la loro opinione circa una serie di questioni rilevanti quali la semplificazione giuridica, la gestione delle colture geneticamente modificate, le norme in materia di etichettatura, i controlli nel settore, la regolazione delle importazioni. Potranno inviare contributi sia i cittadini che le organizzazioni e le amministrazioni pubbliche, semplicemente compilando l’apposito questionario online, che resterà anonimo. I dati raccolti attraverso la consultazione pubblica verranno esaminati attentamente dalla Commissione, che li utilizzerà per l’elaborazione del nuovo quadro strategico e giuridico per l’agricoltura biologica in Europa che intende proporre per la fine dell’anno.

La recente iniziativa della Commissione si inserisce all’interno della politica agricola comune dell’Unione, all’interno della quale la produzione biologica è sostenuta attraverso finanziamenti, politiche e normative specifiche. Pur rappresentando una percentuale limitata della superficie agricola utilizzata in Europa (circa il 5%), l’agricoltura biologica svolge tuttavia un ruolo davvero importante nel settore primario europeo. Essa, infatti, fornisce ai produttori agricoli un’alternativa commerciale per poter rispondere alla crescente domanda presente sul mercato di prodotti di alta qualità e rispettosi dell’ambiente. Ecco perché, anche in considerazione dell’attuale crisi economica, la strategia dell’Unione mira al rafforzamento della fiducia dei consumatori e alla creazione delle condizioni necessarie per garantire una concorrenza leale tra i produttori biologici dei 27 Paesi membri.

La normativa europea riguardante la produzione biologica regolamenta l’intero processo produttivo, a partire dai campi fino ad arrivare alla tavola. Attualmente gli alimenti possono essere definiti biologici solo se almeno il 95% degli ingredienti utilizzati proviene dall’agricoltura biologica, soddisfacendo standard elevati nella tutela ambientale e nel benessere degli animali. Solo gli operatori che rispettano queste norme possono apporre sulla confezione dei loro prodotti il logo biologico dell’Unione europea, rappresentato da una foglia verde.

Commentando l’apertura della consultazione online e la previsione di riforma della normativa vigente, Dacian Cioloş, Commissario europeo per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale, ha dichiarato: “La gestione delle risorse e la produzione agricola sostenibile hanno una rilevanza politica sempre maggiore e i consumatori sono molto attenti a come vengono prodotti gli alimenti che acquistano. È il momento giusto per sottolineare l’impegno dell’Unione europea a garantire che la produzione biologica avvenga nel rispetto degli standard più elevati e, se necessario, rivedere le norme esistenti in modo da creare le condizioni più favorevoli allo sviluppo della produzione biologica in Europa. Con questa consultazione pubblica i cittadini europei hanno la straordinaria opportunità di partecipare alla definizione dell’agricoltura biologica del futuro in Europa”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi