06 Marzo 2021 Segnala una notizia

Case vista camposanto in arrivo. Cambiano le distanze delle fasce cimiteriali

10 Dicembre 2012

Monza-comune-MB42 appartamenti vista camposanto. Fumata bianca venerdì sera in consiglio comunale a Monza per quanto riguarda la “Modifica delle fasce di rispetto cimiteriali”.

Con 18 pareri favorevoli e 4 astenuti (Lega Nord e Pdl) ora sarà possibile costruire anziché alla distanza di 200 metri, come previsti finora dalla legge, a soli 50 metri dal camposanto.

18 alloggi a canone moderato e 24 di edilizia sociale pubblica: questo è quanto previsto dal nuovo contratto di quartiere che porta la firma della giunta guidata da Roberto Scanagatti.

Colombo-Claudio-assessore urbanistica-monza-mb«Una legge del 1934 stabiliva che ogni abitazione doveva essere costruita ad almeno 200 metri dalle mura cimiteriali – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Claudio Colombo – Una fascia così detta “di rispetto” per questioni igienico sanitarie. Oggi però un legge regionale non impone più tale distanza, da qui la possibilità di ridurre tale fascia a 50 metri.

Con il via libera dato alla modificata della fascia di rispetto, oltre ai 42 nuovi alloggi è previsto un investimento da parte del privato di circa 1,1 milioni in opere di urbanizzazione, piste ciclabili, marciapiedi, parcheggi e strade di accesso verso via Nievo.

L’assessore ai lavori pubblici Antonio Marrazzo ha poi spiegato «la Regione non voleva più sovvenzionare il progetto “Contratto di quartiere Cantalupo” poiché l’amministrazione non aveva trovato le aree per edificare. La giunta ha ripreso il progetto riaprendo la trattativa in Regione ottenendo che, oltre alle nuove costruzione, si preveda la ristrutturazione di una palazzina di 24 appartamenti (più 4 di nuova costruzione) in via Baioni e la ristrutturazione di altre palazzine. Aler costruirà sul lato A mentre le ristrutturazioni e la palazzina sul lato B saranno a cura del comune per un investimento pari a 12 milioni con il 60% a carico della Regione»

fuggetta-nicola-testatina-5.stelle-monzaMalumori in aula da parte dei consiglieri del Movimento 5 Stelle: «In questo modo verrà occupato il 20% di suolo agricolo, un ulteriore consumo di suolo. Così vicini al cimitero, a soli 50 metri, se si dovesse realizzare il forno crematorio l’aria non sarebbe più così salubre. Sono ormai anni che questo progetto è oggetto di discussione, forse è ora che venga archiviato e quei 38 milioni di euro si usino per riqualificare una delle tante aree in disuso. Il forno crematorio non è poi così necessario come si vuol far credere e inoltre aumenterebbe anche il traffico di mezzi lì diretti».

L’assessore Marrazzo ha sottolineato che si tratta di «un’opera necessaria alla città. Per quel che riguarda il forno crematorio si tratta invece di un fatto di civiltà: stiamo riprendendo il nostro progetto del 2007 che prevede la cremazione solo a livello provinciale».

 

 

Foto, in alto l’assessore all’Urbanistica Claudio Colombo
in basso, Nicola Fuggetta, consigliere Movimento 5 Stelle

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi