06 Marzo 2021 Segnala una notizia

Monza, l’attore Mahdloo festeggia il Natale con la Cri

10 Dicembre 2012

mehdi-mahdloo-e-mirko-damasco-mbSi è definito “un umile servitore dell’arte”. Classe 1985, nato in Italia da genitori iraniani, Mehdi Mahdloo è un giovane attore, modello e scrittore. Sabato 8 e domenica 9 dicembre, ha preso parte alla festa di Natale organizzata della Croce Rossa di Monza, in quanto anche lui volontario a Roma.

Dal 2011, poi, è il testimonial della campagna pubblicitaria nazionale della Cri. Viso angelico e occhi che parlano, la sua prima volta sul palcoscenico è stata all’età di otto anni in teatro. Da allora un’escalation di spettacoli e pellicole. A renderlo noto al grande pubblico, però, la sua interpretazione nel film di, e con, Checco Zalone “Che Bella giornata”. A parlarci di lui è lo stesso Mehdi.

Come è nato il tuo amore per la recitazione?
Ho iniziato a recitare quando avevo 8 anni in una compagnia teatrale di Roma. Sino quando ho frequentato le scuole superiori le mie giornate si districavano tra lo studio e il teatro. É stato proprio in questi anni che il mio impegno nella recitazione si è intensificato: dopo aver cambiato compagnia ho iniziato un tour nazionale.mehdi-mahdloo-attore-che-bella-giornata-mb1

Un impegno duro sia dal punto di vista professionale che mentale dunque.
La mia crescita artistica è maturata proprio in quegli anni: lavorando sotto pressione ho capito che quella era la strada che intendevo percorrere. Inizialmente pensavo solo al teatro, cinema e piccolo schermo erano ben lontani da me.

Nonostante la giovanissima età (Mehdi ha 27 anni ndr.) puoi vantare un curriculum di tutto rispetto.
La mia formazione prevede lo studio del metodo Stanislavskij. Ho preso parte alla messa in scena di due grandi classici della letteratura come “L’Amleto” e “La Divina Commedia”.

L’Aquila, 6 aprile 2009: la vita del volontario di Croce Rossa, impegnato nel prestare soccorso alle persone piegate dalla violenza del sisma, si incontra con quella dell’attore. Arriva per te la svolta cinematografica. Raccontaci di quei momenti.
Era il 2009, avevo 24 anni e mi trovavo all’Aquila per studiare. Di quella terribile notte ricordo soprattutto la paura. 20 secondi che sembravano un’eternità. Carico di adrenalina sono sceso al piano di sotto della mia abitazione e ho cercato di aiutare chi versava in condizioni di difficoltà. Sono un volontario della Croce Rossa Italiana e in quei giorni ero impegnato all’interno di un campo nelle operazioni di soccorso. La Croce Rossa senza dubbio alcuno è uno dei miei più grandi amori. Il caso poi mi ha aiutato: mentre ero in servizio, la troupe del regista Giuseppe Tandoi ha fatto un sopralluogo perchè alla ricerca di una location adatta dove girare il lungometraggio “La città invisibile” (pellicola che parla appunto del terremoto). Il capo-campo mi ha segnalato e loro hanno deciso di farmi sostenere un provino.

Ma arriviamo al tuo incontro con Checco Zalone. Quali sono state le difficoltà che hai dovuto affrontare in “Che bella giornata”?
Nel film recito il ruolo di Sufien, un ragazzo arabo. Erano alla ricerca di un interprete che sapesse parlare la lingua e che masticasse a stento l’italiano. È stato davvero difficile recitare alcuni spezzoni in lingua araba.

Qualche aneddoto?
Ricordo che per avere una maggiore dimestichezza con la lingua andavo da un venditore egiziano di kebab quasi tutte le sere nella speranza di acquisirne la cadenza. Il primo ciack è stato molto impegnativo, feci un enorme sforzo: tornai in camerino pensando di non aver recitato bene. Poi venne Checco e mi rassicurò, è stato davvero un bel gesto. Come lui anche Rocco Papaleo.
Il resto beh lo sapete già: il film è stato un enorme successo.

Progetti per il futuro?
Non posso svelare molto ma in cantiere c’è un film in cui reciterò il ruolo di Cristo. Si chiamerà Ameluk e il cast è davvero eccezionale. Si tratta di una grande prova per me.

Foto: in alto, Mehdi Mahdloo, attore, e Mirko Damasco, commissario Cri MB
in basso, Mehdi Mahdloo

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi