08 Marzo 2021 Segnala una notizia

Mezzago, la Henkel chiude. Protesta davanti ai cancelli

3 Dicembre 2012

mezzago-henkel-sindacoDopo una riunione di due ore questa mattina a Mezzago, i lavoratori Henkel, hanno scioperato per altre sei ore. Motivo la notizia della chiusura del sito brianzolo entro giugno 2013. Domani mattina, in un luogo ancora da decidere, è previsto un nuovo faccia a faccia tra sindacati e azienda per iniziare a stendere le basi di una trattativa.

Sono ancora sotto shock i lavoratori della Henkel di Mezzago: la notizia, come confermato anche dai sindacati, è arrivata venerdì come un fulmine a ciel sereno e ha lasciato tutti sbigottiti. Questa mattina davanti ai cancelli, è iniziato il presidio con bandiere e striscioni, andato avanti per tutta la giornata. E domani continuerà ancora per otto ore.

“Lavoro a Mezzago da dieci anni e da quando la Henkel ha preso le redini di questo sito, circa 5 anni fa, abbiamo notato una continua e lenta dismissione, come lo spostamento di alcuni ordinativi su altri siti – ci spiega un lavoratore che vuol mantenere l’anonimato – solo ora che abbiamo ricevuto questa notizia ci rendiamo conto di come tutto questo ha fatto parte di un progetto partito che aveva come obiettivo finale la nostra chiusura. L’azienda sembra aver dato la disponibilità per cercare di ricollocarci, ma in un periodo di crisi, vedo molto difficile che ci riesca”.

A conferma che il clima, seppur con una lieve flessione degli mezzago-henkel-sciopero1ordinativi, non portava a pensare ad una chiusura, il premio ricevuto a settembre come “miglior sito produttivo” del gruppo Henkel.

“Ci hanno preso in giro – dichiara pieno di rabbia un operaio – due mesi fa eravamo il miglior sito produttivo del gruppo e ora ci dicono che siamo diventati un peso per l’azienda. Lavoriamo su tre turni, non abbiamo fatto un’ora di cassa integrazione e a fine anno riceveremo un premio produttivo di circa 800 euro, perchè il gruppo ha avuto anche quest’anno un risultato in attivo. Molti di noi hanno una famiglia da mantenere: ci sono molti padri di famiglia divorziati, che avranno ancor più difficoltà nel versare un assegno per i propri figli”.

Presente questa mattina al presidio anche il sindaco di Mezzago, Antonio Colombo, insieme al vicesindaco Giorgio Monti. “La notizia ha colto anche noi di sorpresa, – spiega Monti – l’azienda chimica è sul nostro territorio da moltissimi anni e molti lavoratori al suo interno sono cittadini di Mezzago: siamo quindi davanti ad un doppio dramma, primo per tutti i dipendenti coinvolti e secondo per le ricadute sociali che si avranno in città”.

On foto: in alto il sindaco Colombo parla con i lavoratori. In basso a destra il riconoscimento ricevuto dai lavoratori di Mezzago

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi