08 Marzo 2021 Segnala una notizia

Europa contro la pedopornografia

16 Dicembre 2012

Il 5 dicembre la Commissaria europea per gli Affari interni, Cecilia Malmström, e l’Attorney General degli USA, Eric Holder, hanno battezzato l’Alleanza mondiale contro l’abuso sessuale di minori online, un’iniziativa che associa i responsabili politici di tutto il mondo per individuare e assistere meglio le vittime e punire i colpevoli. I paesi che partecipano all’Alleanza, tra cui ovviamente l’Europa, si sono impegnati a rafforzare le misure strategiche per combattere gli abusi sessuali di minori online facendo appello anche alla cooperazione internazionale.

“Quando parliamo di materiale pedopornografico parliamo di bambini che soffrono e che subiscono, impotenti, le sevizie dei loro carnefici. Una volta online, questo materiale si perpetua nel tempo. È nostra precisa responsabilità tutelare le giovani vittime e punire i colpevoli dovunque si trovino. L’unico modo per riuscirci è fare fronte comune per coordinare e intensificare meglio la nostra azione in tutto il mondo”, ha affermato Cecilia Malmström.

“Con l’Alleanza mondiale disporremo di mezzi più efficaci per consegnare quanti più colpevoli alla giustizia, individuare le vittime e garantire loro aiuto e sostegno”, ha commentato Eric Holder. “Questa iniziativa ripercorre i successi di precedenti operazioni di polizia internazionali, grazie alle quali sono state sgominate reti di pedofili mondiali, e permetterà di tutelare un maggior numero di minori nel mondo.”

L’alleanza prevede la sottoscrizione di impegni ben precisi come garantire l’assistenza alle vittime e informare i giovani sui rischi legati all’autoproduzione di immagini e ai metodi di adescamento. I paesi parte dell’Alleanza potranno scegliere i mezzi d’azione più adeguati per realizzare questi obiettivi e dovranno presentare relazioni regolari.

La quantità di nuove immagini immesse in internet ogni anno è in continuo aumento e nessun paese può sconfiggere da solo questa piaga della società. Le reti di pedofili online non conoscono confini e prosperano grazie alle falle degli ordinamenti e alla mancanza di scambi di informazioni tra i paesi. La cooperazione internazionale è quindi fondamentale individuare vittime e colpevoli e agire di conseguenza.

L’Unione europea ha fatto molti passi avanti nella lotta alla pedopornografia. Di particolare rilievo, le due direttive contro la tratta di esseri umani del 2011 e contro l’abuso, lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile sempre del 2011, che armonizzano l’azione penale contro i perpetratori e rafforzano la protezione delle vittime e la prevenzione.

Grazie a Europol, nel 2011 l’operazione Rescue ha permesso di identificare 779 sospetti, di arrestare 250 persone e di salvare ben 252 minori. Spesso è proprio la pedopornografia online che permette di risalire alle reti di pedofili. A gennaio 2013 verrà inoltre inaugurato all’Aia, il Centro europeo per la criminalità informatica (EC3) specializzato nella pedopornografia online. La Commissione sostiene inoltre INHOPE, la rete di hotline del programma “internet più sicuro” gestite da ONG degli Stati membri che raccolgono segnalazioni di siti pedopornografici.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi