01 Marzo 2021 Segnala una notizia

All’Alcatel la solidarietà fra colleghi per battere la crisi

26 Novembre 2012

vimercate-alcatel-flashmob3La crisi che ha colpito l’Alcatel Lucent, ha costretto l’azienda a lasciare in cassa integrazione molti dipendenti in tutta Italia, tra cui circa 170 nella sede principale di Vimercate. Una situazione che ha convinto i colleghi rimasti al lavoro a formare un credito di solidarietà che aiuterà economicamente i cassintegrati già da dicembre.

Il funzionamento del fondo di mutuo soccorso è molto semplice: tutti i lavoratori potranno decidere di farsi trattenere dalla propria busta paga dai 20 ai 50 euro che verranno versati nel fondo. La raccolta è già partita da ottobre e ha raggiunto una cifra di poco superiore ai 30mila euro. I primi aiuti economici arriveranno già a dicembre e si aggireranno dai 100 ai 200 euro a persona: ogni cassintegrato riceve in media metà dello stipendio rispetto a quando lavorava in fabbrica, ovvero intorno ai 700-800 euro.

Il Fondo per i cassaintegrati è un’idea del coordinamento sindacale dell’Alcatel Lucent (Rsu, Fiom, Fim, Uilm) che ha preteso che fosse inserito nell’accordo firmato a giugno al Ministero dello Sviluppo economico, per dare il via libera al piano di riduzione del personale.

 

in foto: il flash mob dei lavoratori Alcatel a Vimercate

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi