24 Febbraio 2021 Segnala una notizia

Provincia, avanti la protesta. Meroni resta incatenato

27 Novembre 2012

meroni protesta provincia monza e brianzaÈ passata la prima notte per Fabio Meroni, assessore provinciale al Patrimonio. Incatenato. Da ieri infatti ha deciso di passare alle proteste plateali e dopo avere iniziato lo sciopero della fame (4 novembre 2012), si è legato con una catena al cancello di palazzo Grossi, in via Tommaso Grossi a Monza.

Piove. Molto. Intorno ha i “suoi” a sostenerlo, ma forse sarebbe più corretto dire, a fargli compagnia, perché Meroni è deciso a non mollare: «Aspetto che arrivi il ministro della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi (o quelche suo sottosegretaio) e mi dimostri, conti alla mano, che l’eliminazione della provincia di Monza e Brianza porti a degli effettivi benefici alle casse dello Stato – e aggiunge Meroni – tra tutte le possibilità, quella di finire nell’area metropolitana di Milano è stata la peggiore».

Il lucchetto è stato chiuso ieri mattina al termine di una conferenza stampa e rimarrà così fino a sabato mattina, data del Consiglio provinciale aperto nella nuova sede ancora ridotta a cantiere, al quale è stato invitato.

In questi giorni durante i quali le previsioni meteo danno una continua perturbazione, oltre che sull’appoggio degli altri leghisti, potrà contare su di un gazebo (ovviamente verde) per proteggersi dalla pioggia e su di un piccolo magazzino dei messi provinciale dove potrà proteggersi dal freddo durante la notte.

«È un patrimonio culturale e sociale quello che dobbiamo difendere» ha chiosato Meroni.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi