02 Marzo 2021 Segnala una notizia

Libri. Giorgio Guaiti: “La vita è una schiscetta”, imbottita con gustosi aneddoti milanesi

20 Novembre 2012

monza-giorgio guaiti  presenta la vita è una schiscetta 18nov2012-mb 2Ode alla schiscetta, fin dalla prima pagina. Emblema di una pausa pranzo fai-da-te schietta e genuina, certo, ma non sempre gustosa e stuzzicante come un primo da ristorante. Proprio per questo motivo è stata elevata a ironico simbolo di avventure e disavventure quotidiane: la vita è una schiscetta, come recita il titolo, perché è piena di piccole cose più o meno buone.

Rapide gioie e rapidi dolori, episodi fortunati e sfortunati: storie davvero universali quelle che Giorgio Guaiti ha raccontato con leggerezza e lieve ironia per oltre vent’anni sulle colonne de “Il Giorno”, nella rubrica “Specchio segreto”. Ora, una quarantina di queste storie sono raccolte nel volume edito dal Circolo Filologico Milanese, la cui lettura, agile e veloce, non può che essere accompagnata da un sorriso divertito: perché tutti si possono riconoscere negli anonimi protagonisti di queste pagine, intenti a bere il caffè al bar o in piedi davanti al bancomat in attesa di prelevare, seduti in metropolitana o in coda nel traffico da pendolare. L’acume di Guaiti riesce a cogliere l’universale nel particolare: ed ecco che i contorni di Milano, palcoscenico d’elezione, sfumano, diventano meno netti, e riescono a sovrapporsi ai tratti di qualsiasi altra città, perché, alla fin fine, i problemi della gente sono sempre gli stessi, dappertutto. Ma, se da un lato la “milanesità” della raccolta tende a sfumare, dall’altro è nettamente rimarcata dalla presenza, per ogni testo, della traduzione in “lengua milanesa”, realizzata da Alma Brioschi, insegnante al Circolo Filologico Milanese. Non solo: al prezioso “testo a fronte” si accompagnano altre tre chicche: un’appendice intitolata “Brevi indicazioni pratiche per la pronuncia del milanese”, fotografie d’epoca e quattro testi tradotti addirittura in latino, con lo scopo di dimostrare quanto dell’antica lingua dell’impero sia rimasto nel dialetto della città.

monza-giorgio guaiti  presenta la vita è una schiscetta 18nov2012-mbGiorgio Guaiti, milanese di nascita ma monzese d’adozione, ha presentato la nuova raccolta “La vita è una schiscetta. Avventure di ogni giorno raccontate anche in milanese” (una prima collezione di scritti di argomento milanese, “Oltre lo specchio”, risale al 2008) a Monza presso “Libri e libri” domenica 18 novembre. Abbiamo approfittato dell’occasione per fargli qualche domanda.

In “Oltre lo specchio” non c’era la traduzione in milanese dei testi. A cosa si deve quest’idea?

L’idea è stata di Alma Brioschi: in giorno mi ha telefonato chiedendomi il permesso di leggere a Radio Meneghina qualche testo che si era divertita a tradurre. Poi, da cosa è nata cosa, grazie soprattutto al contributo del Circolo Filologico Milanese.

I testi sono disposti in ordine cronologico (dal 1987 al 2009, nrd). Fa sorridere leggere ai giorni nostri i racconti dedicate all’uso dei primi, ingombranti cellulari (Cellulare? Ormai vuol dire efficienza, pag. 34) o quelli sull’invasione dei telecomandi nelle nostre case (Una vita spesa a destreggiarsi tra i telecomandi, pag. 78).

Qualche tempo fa il possesso di questi oggetti denotava un certo “status”: c’erano persone che compravano cellulari finti e facevano uscire l’antenna dalla tasca della giacca solo per darsi un tono! Adesso anche i bambini ne possiedono uno. All’interno dei racconti faccio sempre riferimenti a situazioni passate, confronto quello che è stato negli anni Cinquanta e negli anni Ottanta con quello che esiste al giorno d’oggi: è una tecnica che funziona, perché in questo modo coinvolgo più generazioni.

In alcuni casi ha previsto situazioni che poi si sono avverate. Mi riferisco ai racconti sulla raccolta differenziata (L’inquisizione di condominio, pag. 58) o sul divieto di fumo nei locali pubblici (Come nella Chicago anni Trenta fumare al bar costerà milioni, pag. 46): i fatti che aveva immaginato, quasi fantascientifici per l’epoca, ora sono realtà.

Mi ero divertito a pensare, con ironia e fantasia, ad alcuni possibili sviluppi. Rileggere quelle pagine ora è divertente anche per me!

Il suo racconto preferito?

Ne ho scritti più di cinquecento per la rubrica de “Il Giorno”, non saprei scegliere. Ma so che ha avuto un grande successo Una bimba gioca sul balcone, suspense al semaforo (pag. 50 ndr).

Conosce bene Monza, e conosce altrettanto bene Milano: che differenze nota tra le due città?

Monza ormai si è sprovincializzata: non è più una cittadina a metà strada tra la metropoli e la Brianza, sebbene per alcune cose, come gli eventi culturali, continui a gravitare attorno a Milano.

 

Giorgio Guaiti
La vita è una schiscetta. Avventure di ogni giorno raccontate anche in milanese.
Collana Pagine disparse milanesi
Circolo Filologico Milanese
Pagine 192
Prezzo di copertina 15,00 euro
Legatura in brossura
Illustrazioni a due colori

 

In fotografia: due momenti della presentazione di domenica 18 novembre 2012 a Monza.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi