18 Settembre 2021 Segnala una notizia

Il Monza perde con il Mantova: c'è anche Deborah Martin

4 Novembre 2012

dirigenza monza 2012A celebrare a Monza il 4 novembre, festa della Vittoria, non è stata la squadra locale ma il Mantova. La compagine allenata da Sauro Frutti ha fatto suo uno dei tanti derby lombardi grazie all’unica conclusione spedita nello specchio della porta avversaria nella prima frazione di gara. I padroni di casa, invece, hanno come al solito dilapidato un sacco di occasioni da gol, inanellando alla fine la seconda sconfitta consecutiva.

Piove sul bagnato, dunque, dalle parti del Monzello, visto che i giocatori non hanno ancora ricevuto gli ultimi quattro mesi di stipendio. A rassicurarli (fino a che punto?) ci hanno pensato il nuovo amministratore unico Maurizio Carlo Prada e l’agente mandataria dei finanziatori del club (il calciatore olandese Clarence Seedorf e l’armatore connazionale Jan Lagendijk, ndr) per le trattative di vendita Deborah Martin (al centro nella foto in alto), scesi negli spogliatoi a fine partita e poi protagonisti di un’improvvisata conferenza stampa in sala Vip.

Il tecnico brianzolo Tonino Asta sa che non può riuscire a compattare il gruppo ancora per molto, quindi il rischio che ai problemi tecnici e fisici dei giocatori si aggiungano anche carenze motivazionali è alto. Oggi erano assenti per squalifica il trequartista Gasbarroni, sostituito da Finotto, e per infortunio i difensori Cattaneo (contrattura) e Giorgi (postumi di un pneumotorace), rimpiazzati rispettivamente da Anghileri e Franchini; inoltre l’allenatore biancorosso ha dato un turno di riposo al centrocampista Valagussa, preferendo arretrare Vita dalla posizione di “finto” centravanti, occupata invece da Puccio.

Il primo tempo mostra un Monza pasticcione, che s’adegua a un avversario fin troppo intimorito e rinunciatario, schierato con cinque difensori praticamente bloccati. La prima conclusione è di Puccio da lontano al 19′ e termina a lato. Più insidioso invece il tiro di Anghileri al 23′, respinto da Festa. Il Mantova prova a far male al Monza solamente al 37′ con una conclusione da lontano di Colonetti che finisce a lato. Al 40′ e al 41′ il Monza non sfrutta due grosse opportunità, prima con Laraia che da buona posizione si fa respingere il tiro da Festa, poi con Polenghi che di testa manda a lato. Al 44′, però, gli ospiti passano a sorpresa: Spinale spinge sull’out destro e crossa dal fondo per Del Sante che incorna battendo Castelli. Nella ripresa le principali emozioni sono provocate dai due rigori non assegnati dall’arbitro: al 9′ Farina ferma col braccio un assist di Grauso, al 21′ Spinale, a tu per tu con Castelli, viene agganciato da dietro da Franchini. Nel mezzo, al 16′, si registra però anche un palo colpito da Colonetti da distanza ravvicinata. Al 21′ pure Ravasi, subentrato a Puccio, si rende pericoloso ma al momento del tiro spara alle stelle. Finotto, invece, al 26′ cerca di servire proprio Ravasi anziché tirare in porta. Entrano anche Valagussa per Franchino e Bi Zamble per Vita, ma il risultato non cambia perché Laraia calcia alto da buona posizione e Spinale addosso a Castelli a conclusione di un contropiede virgiliano.

In sala stampa Luca Franchini ha affermato che “dopo quella di Savona questa è stata la peggior dirigenza monza 2012aprestazione del Monza del campionato. Il mancato pagamento degli stipendi comunque non c’entra. A questo proposito, a fine partita abbiamo ricevuto rassicurazioni da Martin”. Franchini ha anche sottolineato che “la mancanza di gol non credo dipendano da scarsa lucidità dovuta a fatica, perché oggi abbiamo corso tutti fino al 90′, dunque stavamo bene. Io, che sono reduce da due gravi infortuni, ho poi trovato a Monza il miglior staff medico della carriera”. Il capitano Claudio Grauso non le ha mandate a dire a nessuno: “Ogni domenica giochiamo più o meno la stessa partita, ma è evidente che nel reparto offensivo, pur essendoci grandi qualità e prospettive, manca un finalizzatore. Il mancato pagamento degli stipendi? Non è una situazione piacevole soprattutto per chi, come me, si paga vitto e affitto dell’alloggio. Martedì ne parleremo nello spogliatoio…”. Tonino Asta è visibilmente scocciato dal ripetersi di certe situazioni: “Non mi è piaciuto il nostro primo tempo attendista, culminato col gol dei mantovani segnato al loro primo ingresso nella nostra area di rigore. Invece noi nell’area avversaria entriamo spesso e bene, ma non riusciamo a dare il giusto colpo alla palla. Oggi avremmo anche dovuto tirare di più da fuori area. Perché Valagussa è partito dalla panchina? Ultimamente è in difficoltà fisica”.

Lasciamo in conclusione le dichiarazioni di Martin, “aria fritta” cucinata con “glamour”: “È un momento molto delicato per le sorti della società, nella quale gli attuali finanziatori hanno investito 10 milioni di euro in tre anni. Ho appena rassicurato i giocatori: alcuni pagamenti sono in via di definizione. Per quanto riguarda le trattative di vendita del club, sono ottimista. Oltre alle due che già si conoscono (quella con Filippo Colonna, amministratore del Consorzio Cipes, e quella con Gilberto Maria Nocco, titolare della Gmn, ndr), ce ne sono altre (quella col finanziere statunitense Alan Freidman, quella con un petroliere statunitense e quella con un imprenditore brianzolo, ndr). Purtroppo alcuni aspiranti acquirenti poco seri ci hanno fatto perdere tempo. Tengo a sottolineare che i soci non stanno solo cercando di vendere il Monza, ma di venderlo a persone affidabili, in grado di difendere quello che è anche un patrimonio della comunità. Colonna, per esempio, è una persona alla quale guardiamo con interesse perché, essendo originario di Monza, ha certamente più a cuore le sorti del club. Le trattative, però, non sono semplici perché sono stati ereditati troppi debiti dalla gestione societaria precedente. E chi è interessato a comprare non vuole investire in maniera sufficiente per noi. Comunque siamo fiduciosi: il Monza non fallirà”.

Intanto otto giorni fa c’è stato un incontro con Colonna che avrebbe dovuto portare lunedì scorso alla sottoscrizione da parte di Martin, per conto dei soci del club, dell’ultimo preliminare di compravendita proposto dal leader milanese nella gestione dei parcheggi. Invece la firma è saltata e la riunione decisiva è slittata al prossimo 15 novembre. Nel frattempo Prada deve preparare una relazione ai soci che spieghi se ed eventualmente come il Monza possa essere salvato dalla messa in liquidazione.

 

{xtypo_rounded2}  MONZA BRIANZA-MANTOVA 0-1 (0-1)

MONZA BRIANZA (4-3-2-1): Castelli; Franchino (27′ s.t. Valagussa), Polenghi, Franchini, Anghileri; Vita (37′ s.t. Bi Zamble); Grauso, Calliari; Laraia, Finotto; Puccio (10′ s.t. Ravasi). A disposizione: Pazzagli, Desole, Giorgi, Fronda. All.: Asta.

MANTOVA (5-3-2): Festa; Bertin, Giordani, Farina, Girelli, Bersi (29′ s.t. Esperimento); Spinale, Galassi, Burato (37′ s.t. Corso); Del Sante, Colonetti. A disposizione: Maggio, Vecchi, Mambrin, Cavallaro, De Respinis. All.: Frutti.

ARBITRO: Marchesini di Legnago.

MARCATORI: 44′ p.t. Del Sante.

NOTE: calci d’angolo 9-6; ammoniti Franchino, Laraia, Bersi, Galassi, Spinale e Colonetti; recupero 0′ e 5′; spettatori paganti 240 per un incasso di 3018 euro, abbonati circa 300. {/xtypo_rounded2}

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi