09 Marzo 2021 Segnala una notizia

Filippo Colonna lancia ultimatum al Monza Calcio

10 Novembre 2012

Como Mz esultanza2Filippo Colonna non abbandona la trattativa per l’acquisizione dell’Ac Monza Brianza 1912, ma non è disposto a coprire neanche un centesimo dei debiti del club calcistico certificati nell’ultimo bilancio, ammontanti a 1 milione e 740mila euro.

È questa la notizia della giornata che ha tenuto in ansia tutti i tifosi biancorossi che vorrebbero l’amministratore del Consorzio Cipes (gestione autoparcheggi pubblici e privati) come nuovo proprietario del sodalizio di via Ragazzi del ’99 al posto delle società PaSport e On Champions, rappresentate legalmente dal commercialista Aldo Mainini, ma che hanno come finanziatori il calciatore olandese Clarence Seedorf e l’armatore connazionale Jan Lagendijk.

Colonna nei giorni scorsi aveva lanciato un ultimatum: “Visto che la proprietà attuale sta interloquendo anche con degli statunitensi allo scopo, a mio avviso, di alzare il prezzo di vendita, ho informato Deborah Martin (l’agente di Seedorf che ha ricevuto il mandato di gestire le trattative, ndr) che attenderò al massimo fino al prossimo venerdì mattina l’invio della mia ultima proposta di preliminare d’acquisto controfirmata. In caso questa non arrivasse, abbandonerò definitivamente la trattativa”.

Di firme non ce ne sono state, ma gli studi legali delle controparti hanno ricucito la situazione. “Ho rispostato il personale termine per la controfirma della mia ultima proposta di preliminare d’acquisto al prossimo 15 novembre – spiega Colonna – Diverse persone e anche tifosi del Monza mi hanno telefonato o mandato messaggi per convincermi a tenere duro. Noi (perché ci sono almeno un paio di imprenditori già unitisi alla cordata, tra cui quello milanese interessatosi di recente alla sorte del club brianzolo, ndr) crediamo che queste persone (proprietari e consulenti della proprietà, ndr) ormai comprendano che, tra le tante proposte d’acquisto ricevute, la nostra sia la più seria e affidabile”. La proposta di Colonna è nota: circa 1 milione e 300mila euro per il 95% delle azioni con i debiti a carico della proprietà attuale. Uno dei suoi concorrenti, Gilberto Maria Nocco (titolare di aziende di abbigliamento che fanno capo alla società Gmn di Cesano Maderno e presidente del Cusano) per conto di una cordata milanese, si era dichiarato disposto, per bocca del legale Matteo Vanni Verdi, a versare la stessa somma ma per l’80% delle azioni e coprendo pure i debiti; l’accordo, stipulato via e-mail, era però stato cestinato da Seedorf. Conseguentemente Nocco aveva convenuto in giudizio l’Ac Monza e Seedorf per far accertare dall’autorità giudiziaria il perfezionamento dell’accordo di vendita intercorso e dichiarare per l’effetto il trasferimento della proprietà ex articolo 2932 del Codice civile. In via subordinata era stato richiesto al Tribunale di Monza di verificare la violazione del dovere di correttezza e buona fede da parte dell’Ac Monza durante la chiusura delle trattative. Ebbene, il tribunale ha fissato per il prossimo gennaio la prima udienza. “La proprietà del Monza è ancora in tempo per cedere alla cordata da me rappresentata una quota azionaria della società determinante per il controllo degli aspetti sportivi” dichiara l’avvocato Verdi.

Mentre i due italiani “litigano”, prende corpo l’ipotesi di un Monza a “stelle e strisce”: il finanziere statunitense Alan Freidman e, molto più indietro nella trattativa, un petroliere americano, stanno valutando se imitare i connazionali Thomas DiBenedetto e James Pallotta, comproprietari della Roma. Infine, sono alla finestra in attesa di ulteriori sviluppi due imprenditori brianzoli: uno è Davide Erba, l’amministratore di Stonex Europe (strumenti di misurazione per la topografia e il cantiere) nonché presidente della società di calcio femminile Fiammamonza. Se l’amministratore unico del Monza, Maurizio Carlo Prada, deciderà di chiedere la messa in liquidazione del club, Erba tornerà infatti alla carica per rilevarlo. E la messa in liquidazione è dietro l’angolo: l’altroieri sera una delegazione dei giocatori ha sollecitato Prada a trovare una soluzione al problema degli stipendi non pagati (le ultime tre mensilità) altrimenti qualcuno procederà con la messa in mora.

Intanto, per tagliare i costi, sono stati soppressi i ritiri prepartita in albergo. Dopodomani la squadra andrà a giocare ad Alessandria partendo direttamente dal centro sportivo Monzello.

foto, archivio mb news

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi