18 Settembre 2021 Segnala una notizia

Monza, Giulio Boscagli: “Nuove regole per il patto Welfare”

29 Giugno 2012

Boscagli-giulio-assessore-regione-lombardia-mb“Un nuovo welfare ha bisogno di una diversa soggettività della famiglia”. E’ la premessa da cui è partito giovedì l’assessore regionale alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale Giulio Boscagli, intervenendo, a Monza, in occasione della terza tappa del suo tour sul territorio, per presentare le linee guida del “Patto per il Welfare” e ricevere indicazioni da chi opera nel sociale.

“I cambiamenti demografici – ha spiegato l’assessore – come la denatalità e l’allungamento delle aspettative di vita, impongono un ripensamento del sistema di welfare così come l’abbiamo sin qui conosciuto, anche per le mutate condizioni prodotte dalla crisi economica internazionale”.

Di qui l’idea della consultazione in ogni provincia di tutti i soggetti pubblici e privati attivi in questo ambito: istituzioni locali, sindacati, associazioni imprenditoriali, organizzazioni di categoria, enti non profit e del volontariato, cooperative.

conferenza-patto-welfare-teatrino-della-villa-mbMONZA SPERIMENTA FATTORE FAMIGLIA – La tappa di Monza, capoluogo della Provincia di Monza e Brianza, ha anche un significato particolare, perchè il Comune è tra quelli inseriti nella sperimentazione del “Fattore Famiglia”, introdotto in Lombardia con la legge regionale 2/2012, che fotografa i reali bisogni dei nuclei familiari, tenendo conto della presenza di persone con disabilità, di lavoratori in cassa integrazione o in mobilità, di chi ha perso il lavoro. Non soltanto quindi la semplice situazione reddituale così come veniva restituita con l’indice Isee (Indicatore della situazione economica equivalente), ma una vera e propria analisi dei bisogni della famiglia.

PRINCIPAI PUNTI LI DEL PATTO – Gli altri punti centrali del ‘Patto per il Welfare’, oltre alla centralità della famiglia, sono l’abbandono della logica di offerta di servizi e assistenza verso un sistema imperniato sulla domanda, la semplificazione e la maggiore accessibilità ai servizi, introduzione della Dote Welfare, la sussidiarietà e il ruolo strategico del Terzo Settore.

All’incontro, organizzato presso la sala Convegni del Teatrino della Villa Reale, hanno partecipato, tra gli altri, anche il consigliere regionale Stefano Carugo, il direttore generale dell’Asl di Monza Humberto Pontoni, il prefetto di Monza e della Brianza Giovanna Vilasi, l’assessore alle Politiche sociali e familiari della Provincia di Monza e Brianza Giuliana Colombo, sindaci e assessori comunali.

Foto: in alto, l’assessore regionale alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale Giulio Boscagli

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi