02 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Aiuti di Stato: autorizzato un aiuto di 23 milioni di euro a favore di Novartis Italia

16 Maggio 2012

Nel novembre 2011, l’Italia ha notificato l’intenzione di finanziare un progetto di ricerca, sostenuto anche dalla Fondazione Gates, per lo sviluppo di vaccini innovativi, compresa la ricerca sugli antigeni, contro malattie endemiche nei paesi in via di sviluppo. Tutte le attività di ricerca e sviluppo saranno realizzate da Novartis nell’arco di cinque anni. Il finanziamento pubblico ammonta a 23 milioni di euro per un costo di ricerca e sviluppo previsto di 76, 9 milioni di euro, che sarà sostenuto da Novartis.

La Commissione europea è giunta alla conclusione che il finanziamento pubblico di 23 milioni di euro che l’Italia intende concedere a Novartis Vaccines & Diagnostics S.r.l. per la ricerca e lo sviluppo di vaccini innovativi è conforme alle norme UE sugli aiuti di Stato, in particolare perché rimedia a un reale disfunzionamento del mercato e favorisce la ricerca nell’UE. Il progetto mira a garantire che i paesi in via di sviluppo abbiano accesso più rapidamente a questi prodotti innovativi a prezzi ragionevoli.

Joaquín Almunia, Vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per la Concorrenza, ha dichiarato: “In caso di successo, il progetto permetterà di immettere nuovi prodotti innovativi sul mercato dei vaccini senza falsare indebitamente la concorrenza. Contribuirà inoltre a realizzare gli obiettivi di ricerca e sviluppo dell’UE, assicurando al tempo stesso gli incentivi necessari ad una commercializzazione più rapida e mirata di questi prodotti nei paesi più poveri”.

La Commissione ha valutato il progetto nel quadro della disciplina per la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione dell’UE, che autorizza finanziamenti pubblici a progetti di ricerca e sviluppo, purché questi ultimi siano ben concepiti, rimedino ad imperfezioni pertinenti del mercato e producano risultati superiori alle possibili distorsioni della concorrenza.

La Commissione ha concluso che il progetto di ricerca, a causa dei notevoli rischi tecnologici e commerciali connessi alle attività di ricerca e sviluppo, potrebbe non attirare finanziamenti sufficienti da investitori privati. L’aiuto è necessario per spingere Novartis ad intraprendere attività di ricerca e sviluppo supplementari rispetto alla sua normale attività industriale. Inoltre, l’aiuto è proporzionato e non comporterà indebite distorsioni della concorrenza sul mercato interno. In particolare, non si corre il rischio di escludere piani d’investimento privati, soprattutto tenuto conto delle quote limitate di mercato del beneficiario, della presenza di concorrenti più forti e della prevista crescita del mercato in questione.

Pertanto, la Commissione è giunta alla conclusione che i vantaggi del progetto superano chiaramente le eventuali distorsioni di concorrenza derivanti dall’aiuto.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi