28 Settembre 2021 Segnala una notizia

Centro sinistra, viaggio nelle Primarie Riboldi: «La politica verso la solidarietà»

12 Gennaio 2012

riboldi marco primarie centro sinistraMarco Riboldi, nato a Monza il 23 giugno 1954, sposato e padre di due figlie, vive a Monza. Una laurea in filosofia e oltre ad essere noto per il ruolo di preside del Liceo Bianconi, ha anche un’esperienza politica di lunga data, passata attraverso diverse tappe, dal rappresentante di quartiere fino ad assessore al Personale e alla Cultura. Attualmente siede tra i banchi del consiglio comunale all’opposizione tra le file del Pd.

Che cosa l’ha spinta a candidarsi?

Il fatto che la politica mi piace. Non lo nascondo, e differenza di altri, a me non me l’ha chiesto nessuno di candidarmi. La passione politica in me è la spinta.

Quali qualità la contraddistinguono dai suoi “avversari”?

L’esperienze che ho. Da anni, direi da sempre, faccio politica a Monza. Ma non solo, nella mia vita è molto presente l’attività legata al sociale. Significativa è la mia dedizione al mondo del volontariato cattolico. E poi da non dimenticare sono le mie competenze in materia di scuola, vista la mia professione.

Ha mai ricoperto incarichi in aziende municipalizzate?

No mai, per scelta.

Come occupa il suo tempo libero? Ha un film preferito, un libro?

Al cinema prediligo il teatro e tra i generi musicali preferiti domina la musica classica. Quando leggo i miei gusti sono orientati alla filosofia, un amore che non mi ha mai abbandonato.

Che voto dà alla sua città oggi?

Un voto disgiunto: a chi sta amministrando la città do 4, mentre ai cittadini non posso che dare 8.

Perché?

Molto semplice.  La scelta di questo Pgt è la peggior cosa che potessero fare alla città di Monza: vera e propria colata di cemento, di cui questa città farebbe volentieri a meno. Monza ha bisogno dal punto di vista dei metri cubi di una crescita “0”.
Mentre il voto alto ai cittadini deriva dalla loro generosità e operosità.

Se diventasse sindaco cosa farebbe nei primi 100 giorni?

Nei primi 100 giorni farei i conti. Questa amministrazione sta lasciano una situazione finanziaria pesante. Fatti conti, dirotterei più fondi possibili per i servizi alla persona, cosa che chi è al governo oggi ha tagliato. Userei un approccio in questo campo ben diverso da quello attuale: ci vuole maggiore programmazione e più sinergia con le associazioni del territorio. Per esempio non si può e non si deve arrivare a Novembre per pensare a soluzioni per l’emergenza freddo!
Credo che occorra centrare la politica cittadina sui bisogni delle persone, cercando anche di rispondere alle necessità delle famiglie, spesso strette tra lavoro dei genitori, lavoro che non c’è per i figli, anziani da aiutare.

Vuole lanciare un messaggio per queste primarie?

Per queste primarie non mi troverete quale candidato ufficiale del Partito Democratico.

Non ho cambiato opinione politica, ho solo preferito scegliere di candidarmi da indipendente per sottolineare, almeno simbolicamente, la mia idea che le primarie appartengono più agli elettori che ai partiti e che non ci si  candida per questo o quel gruppo, ma per tutto il centro-sinistra.

Per saperne di più su Marco Riboldi: clicca qui

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi