30 Novembre 2020 Segnala una notizia
Monza e l'arte nascosta (neanche tanto) in via Italia: il "lotto gotico"

Monza e l’arte nascosta (neanche tanto) in via Italia: il “lotto gotico”

19 Dicembre 2011

Voi lettori, che in queste settimane di dicembre camminerete freneticamente su e giù per il centro di Monza, abbagliati dalle luci delle vetrine, alla ricerca degli ultimi (o dei primi?) regali per Natale… questo invito è proprio per voi: quando sarete in via Italia – proprio all’inizio, dopo esservi lasciati alle spalle la fontana – immediatamente dopo una nota libreria…ecco, rallentate il passo, deponete l’ansia per gli acquisti e alzate gli occhi verso la vostra destra.

Proprio lì, nella cortina di edifici che fiancheggiano la strada, nascosta per il passante frettoloso ma in realtà ben visibile a tutti, c’è una casa minuscola che risale all’età medievale ed è, dunque, una delle più antiche della città. Attenzione: si parla di casa, non di parte o porzione di casa…perché a vederla così, alta due piani ma stretta fra le mura degli edifici contigui, con due piccole finestre (rispettivamente una monofora e una bifora), potrebbe sembrare l’avanzo di un’abitazione più ampia, andata distrutta nei secoli. Invece no. Si tratta proprio di una casa fatta e compiuta, chiamata, per l’appunto, “lotto gotico”. Ovvero un lotto abitativo caratteristico dell’epoca medievale, inserito in un sistema di case a schiera, stretto nell’affaccio sulla via principale e sviluppato in altezza e in profondità. Al pian terreno immaginiamo vi fosse una bottega o il laboratorio di un artigiano, al piano superiore l’abitazione vera e propria e sul retro un cortile. In tempi di Ici (pardon, Imu), non lasciatevi tentare dal calcolo catastale… la comodità per la famiglia che vi abitava non doveva essere molta!

 

www.guidarte.net

Foto: Valeria Panzani

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valeria Panzani
Adoro la mia città, lo si capisce dagli articoli che scrivo su MBnews, dal 2012? Amo leggere di storia e arte, vorrei avere più tempo per tutto. Fra le cose che mi piacciono: il tè verde, la musica folk, i Peanuts, i film d'azione, le stelle, la lingua inglese. Tormentata dal socratico "so di non sapere" e dal timore di catastrofi imminenti, mi impegno per migliorarmi, sempre.


Articoli più letti di oggi