04 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Desio, l’ex Centro Stile in preda a vandali e degrado cade a pezzi

10 Ottobre 2011

ex-Centro-stile-di-Desio2E lì da una quindicina d’anni. E i residenti nel popoloso rione di San Giorgio, costretti a viverne all’ingombrante ombra, temono che vi resti altrettanto. È l’ex Centro stile di Desio: un tempo uno dei punti di riferimento per chiunque cercasse mobili di qualità in Brianza, con la sua decina di piani dove lavoravano oltre 70 operatori del settore (non a caso la sua figura si alza sulla Valassina ed è visibile a grande distanza).

Oggi, un “mostro” deserto, abbandonato all’incuria, ai vandali e ai writers, ai senzatetto e, occasionalmente, a qualche spacciatore.

ex-Centro-stile-di-DesioI raid vandalici, ormai, si susseguono settimanalmente, senza tregua. Vetri e vetrine spaccate, immondizia abbandonata, macerie scaricate. Ma quel che è ancora peggio è che l’enorme edificio ha iniziato a crollare anche di suo, senza bisogno di “aiuti” esterni. Intere parti delle piastrellature delle facciate cadono all’improvviso dall’altro, insieme a calcinacci vari, rischiando di colpire chi si addentra in questo mondo a parte di degrado e inciviltà.

Vani i tentativi messi in atto nei mesi scorsi da parte delle forze dell’ordine e della proprietà: i blitz a caccia di personaggi poco chiari non hanno portato a nulla, perchè entrano ed escono di continuo, quasi come “fantasmi” (bottiglie, scarti di cibo, materanni, vestiti lo dimostrano); ancora a meno è servita la recinzione del perimetro dell’edificio, spaccata come un gioco da ragazzi da qualcuno.

Così, il vecchio e decadente Palazzone è sempre lì. Vane sembrano essere anche le speranze di riqualificarlo in breve tempo e trasformarlo in moderno albergo a 4 stelle, con servizi annessi e connessi per il rione, in previsione Expo 2015. Dopo aver impiegato anni a mettere insieme tutte le 78 proprietà diverse, l’operatore che aveva presentato il progetto in Comune – ricevendo ampi consensi – sembra aver fatto un passo indietro: troppo difficile e rischioso, in un periodo come questo, recuperare i 30 milioni di euro necessari. Così, il “mostro” può vegetare ancora.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi