07 Marzo 2021 Segnala una notizia

Polizia Locale smaschera un finto disabile. Denunciato giovane monzese

12 Maggio 2011

disabili-contrassegno-mbHa pensato bene di utilizzare un contrassegno per disabili falso, ma è stato pizzicato dalla polizia locale di Monza. Si tratta di trentenne che martedi 10 maggio è stato colto in flagrante dagli agenti mentre posteggiava l’autovettura in un parcheggio riservato ai disabili, esponendo sul cruscotto un contrassegno.

Un agente in borghese, non convinto in quanto il giovane monzese non presentava alcun tipo di menomazione fisica,  ha deciso di fermarlo per un controllo. L’automobilista ha tentato di giustificarsi dicendo di avere un figlio disabile, ma dopo un’attenta verifica da parte dell’agente della polizia locale il contrassegno è risultato essere contraffatto e quindi l’uomo è stato denunciato per il reato di  falso.

“Si tratta di un episodio disdicevole – afferma l’assessore alla Sicurezza Simone Villa –  un reato commesso da una persona che ha dimostrato di non aver alcun rispetto non solo nei confronti della legge ma, soprattutto, per le persone che ogni giorno convivono con forme di disabilità. L’Amministrazione Mariani è da sempre attenta alla tutela dei disabili con un controllo serrato dei contrassegni e con una serie di verifiche incrociate per stanare i finti invalidi”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi