03 Marzo 2021 Segnala una notizia

Seregno. Effebiquattro: inaugurato il nuovo showroom. Ecco la formula per uscire dalla crisi

6 Aprile 2011

effebiquattro-seregnoNuova sede, nuova linea di prodotti, nuova rete vendita monomarca, apertura all’innovazione tecnologica e a nuovi mercato, infine una nuova strategia di comunicazione, è questa la formula che ha portato Effebiquattro, azienda seregnese leader nel settore della produzione di porte d’interno, ad andare oltre la crisi che ha investito il comparto del legno in questi ultimi anni.

Un piano di sviluppo e di rinnovamento incisivo con una nuova filosofia improntata sul concetto ‘open’ che significa ‘”siamo aperti e sempre nel business” – fanno sapere dall’azienda. “Negli ultimi tre anni l’industria del mobile ha subito pesantemente la crisi economica nella reazione a catena che ha investito principalmente il settore edile e immobiliare” – dice Mario Barzaghi amministratore delegato di Effebiquattro oltre che vicepresidente di Confindustria Monza e Brianza, presidente Gruppo Arredo della Brianza (Confindustria Monza e Brianza) e presidente del gruppo porte di Federlegno – La nostra società ha risentito di questa situazione, soprattutto a livello nazionale, ma oggi vediamo con ottimismo la ripresa. Già nel 2010 abbiamo registrato una crescita della produzione del 24% e prevediamo per il 2011 un ulteriore incremento del 20%”. {xtypo_rounded_right2}A Seregno si producono circa 200mila porte l’anno{/xtypo_rounded_right2}Il nuovo showroom inaugurato ieri, in via Edison, si estende su due livelli per un’area di 800 metri quadrati. Le porte sono esposte come opere d’arte e affiancate da dettagli grafici che con immagini e frasi esprimono il carattere di ciascun modello: dalle ultime novità, fino ai modelli storici. Ma la vera novità è la linea NoFire, la porta tagliafuoco dotata di elementi di sicurezza e affidabilità determinanti per alberghi e spazi pubblici che fra l’altro hanno ottenuto la certificazione europea EI1. Altra particolarità su cui l’azienda ha deciso grande attenzione è l’aspetto ambientale. La verniciatura delle porte avviene solo tramite vernici ecologiche, mentre la fonoassorbenza di molti modelli permette la riduzione dell’inquinamento acustico. Inoltre la sede di Seregno è dotata di un impianto che è il primo in Italia a utilizzare tutti i passaggi all’acqua, con conseguente impatto ambientale nullo.

Le porte di Effebiquattro si trovano in 300 rivenditori autorizzati ma la novità dell’azienda brianzola è l’apertura di una nuova rete di punti vendita monomarca, che parte dall’Abruzzo e dalla Sardegna e sarà estesa alle altre regioni nei prossimi mesi. Mentre verso l’estero l’azienda ha un rapporto crescente con Israele, Russia e alcuni paesi dell’Africa come il Ghana e l’Uganda dove la qualità e il design tipicamente Made in Italy sono particolarmente richiesti.

{xtypo_rounded2}Un pò di storia…

Effebiquattro è il primo produttore di porte per interni in Italia. Creata nel 1975 dall’istinto imprenditoriale di Mario Barzaghi, l’azienda è nata come falegnameria nel cuore della Brianza. Con il passare degli anni è cresciuta diventando uno dei marchi che hanno contribuito a diffondere il Made in Italy in tutto il mondo.

L’attuale gamma Effebiquattro comprende oltre 500 modelli di porte tecnologicamente avanzate e dal design moderno ed elegante{/xtypo_rounded2}

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi