25 Febbraio 2021 Segnala una notizia

Monza, le fiamme gialle rischiano lo sfratto da villa Crivelli

18 Aprile 2011

guardia-di-finanzaOrdine di sfratto per la guardia di finanza di Monza. Con la fame di alloggi che cresce giorno dopo giorno nemmeno la divisa protegge più da certe sorprese. Poche settimane fa l’immobiliare proprietaria di Villa Crivelli, dimora settecentesca occupata da oltre 20 anni dalle fiamme gialle, ha avviato il procedimento legale per ottenere la liberazione dell’immobile per finita locazione.

Situazione difficile per i finanziari brianzoli, che sebbene non rischiano di finire sotto un ponte, sono però vittime del ritardo colossale col quale viaggia il progetto per la realizzazione della loro nuova caserma e di una complessa trattativa di compravendita fra l’immobiliare e l’amministrazione che ha per oggetto proprio la Villa. 

Insomma, un vero e proprio pasticciaccio brutto che approderà in tribunale il prossimo luglio quando le parti si incontreranno davanti a un giudice per capire se è possibile raggiungere un accordo extragiudiziale. I guai per la guardia di finanza sono iniziati nel 2001 quando l’ex giunta municipale, che di fatto è l’ente che si occupa di pagare l’affitto (180 mila euro all’anno), siglò un accordo di programma in virtù del quale, entro cinque anni, avrebbe dovuto essere costruita la nuova caserma delle fiamme gialle sull’area dell’ex caserma IV Novembre, destinata a trasformarsi in una cittadella istituzionale con la sede alla Provincia e della Questura.

Tuttavia, a causa di una serie di ricorsi, contro ricorsi e lungaggini burocratiche, i lavori non sono ancora partiti. Non solo, il contratto di locazione in virtù del quale le fiamme gialle occupano Villa Crivelli è scaduto da 5 anni e da un anno a questa parte l’amministrazione e l’immobiliare hanno intavolato una trattativa di compravendita. Il privato chiede 11 milioni di euro, il Comune che vorrebbe sfruttare quegli spazi per allestire un polo culturale risponde con 8, cifra suffragata da una perizia dell’ufficio tecnico erariale.

Da mesi tuttavia, la trattativa ristagna e così l’immobiliare ha deciso di provare a dare un colpo d’acceleratore inoltrando un atto d’intimazione di sfratto al quale, sia il Comune che la finanza hanno fatto opposizione. Il prossimo 5 luglio è stata fissata la data della prima udienza e nei due mesi abbondanti che mancano le parti proveranno a trovare un’intesa per trarre d’impaccio la guardia di finanza che si trova nella spiacevole situazione di vivere con un ordine di sfratto pendente sulla testa.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi