04 Marzo 2021 Segnala una notizia

Lesmo, incidente all’asilo, Ripamonti non ci sta: “Grande montatura ed errori di gestione”

11 Aprile 2011

Asilo_lesmo2-mbTanto rumore per niente, semmai il problema è un altro. Così sì può riassumere il pensiero dell’assessore ai Lavori pubblici di Lesmo Luigino Ripamonti in merito all’incidente di venerdì scorso nella scuola materna di Peregallo. Il tetto crollato era un lieve cedimento, l’aula era l’antibagno, ed i «molti pannelli» erano solo «uno o due». Allarme rientrato e asilo riaperto quindi, ma non si placa la polemica: «Il vero errore è stato nella gestione del problema» ha attaccato Ripamonti.

Nel mirino dell’assessore finiscono quindi dirigente scolastico e maestre, responsabili di un «grave sbaglio che ha ingigantito quello che era un piccolo incoveniente». A detta di Ripamonti infatti sarebbe andato tutto liscio se la preside, o chi per essa, non avesse lasciato entrare le madri nel plesso scolastico di via Caduti per la patria: «Il cedimento è stato verso le 13, forse per il caldo improvviso e non per mancata manutenzione, – ha spiegato l’assessore – dopodiché il Comune ha predisposto l’intervento di un tecnico, che ha prontamente risolto il problema».

Nel pomeriggio però, ecco quello che non ti aspetti: una delle madri è entrata, in circostanze poco chiare, nell’edificio ed ha allarmato polizia locale, carabinieri e vigili del fuoco di Monza, che sono intervenuti smontando altri 16 metri quadri di pannelli. «Questo è il guaio – accusa Ripamonti – sono seccato dal comportamento tenuto. Non c’era bisogno dell’intervento dei vigili, tantomeno della polizia, sono stati inutili e dannosi allarmismi». Anche perché il lavoro svolto dai pompieri si traduce in costi per le casse comunali: «Chi pagherà per lo sfacelo fatto? Il comune, i genitori, gli insegnanti?». Smentite poi le voci diffuse da alcuni giornali su «fantomatici» 5mila euro da destinare alla ristrutturazione della scuola: «Mai detta né sentita una cosa del genere, quei soldi servono per altre opere, qui non ce n’è bisogno».

Intanto nel pomeriggio di ieri c’è stato un incontro tra amministrazione della materna ed il responsabile dell’azienda che ha installato i pannelli: «Abbiamo avuto l’ennesima conferma, dopo le verifiche del weekend ad opera di esperti e del sindaco Desiderati, che l’edificio è sicurissimo – ha spiegato con freddezza la preside – Ma adesso basta, l’immagine del nostro asilo è già stata abbastanza danneggiata». Silenzio tombale invece sulle accuse di Ripamonti e sulla possibilità di un vertice tra il dirigente Rosaria Natalizi baldi e i membri della scuola materna: «Non sappiamo nulla e non vogliamo parlarne, l’importante è che tutto si sia risolto nel migliore dei modi».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi