06 Marzo 2021 Segnala una notizia

Biassono, furto al cimitero. Tombe predate: è caccia ai ladri

5 Aprile 2011

cimitero_biassono_mbNon c’è pace, nemmeno per i defunti. Fa scalpore, a Biassono, il furto notturno, tra il 4 e il 5 aprile scorsi, che ha visto predare statue, crocefissi e accessori dal cimitero cittadino. Un’operazione che la polizia locale, intervenuta su segnalazione mattutina dei manutentori, bolla come «puro sciacallaggio».

Circa 100 tombe, dopo avere divelto la catena del cancello secondario del camposanto, sono finite tra le criminose mani della banda in questione, che ha sradicato le statue in bronzo, i portavasi in ottone e lasciato a terra tutto ciò che non fosse metallo «rivendibile», come specificano gli agenti biassonesi.

Accantonata l’ipotesi satanismo, gli inquirenti si concentrano, appunto, sulla rivendita di metalli, «questo genere di furti avviene spesso – confidano dal quartier generale della polizia locale di Biassono – ma è la prima volta che i delinquenti si spingono a rubare direttamente dalla tombe. Un atto inqualificabile. Le indagini sono ancora in corso, generalmente questi colpi sono compiuti da extracomunitari dell’est Europa, ma non possiamo esserne certi».

Per porvi un freno, «verrà incrementato il servizio di videosorveglianza, nuove telecamere e più potenti», concludono i poliziotti.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi