05 Marzo 2021 Segnala una notizia

Arcore, vizio di forma: consiglio comunale salta tra i veleni. No bilancio

13 Aprile 2011

consiglio_11-4-mbGiochi di potere e ripicche personali, cose che poco hanno a che fare con l’interesse dei cittadini. Eppure è questa la sensazione che si ha all’ennesimo consiglio comunale di Arcore conclusosi con un nulla di fatto. Un vizio di forma, questa volta relativo ai tempi di convocazione della seconda seduta, non ha permesso di andare a votare il bilancio di previsione. Consiglio a cui, per la seconda volta, la maggioranza non ha presenziato.

Ma del bilancio, almeno secondo l’opinione dei pochi arcoresi presenti in sala, sembra non interessare a nessuno. L’unico della maggioranza a mettere piede nella sala consigliare è l’assessore all’Urbanistica Claudio Bertani, ma il suo ruolo è solo «quello di annunciare ai presenti che la seduta non è valida». I primi dubbi sulle modalità di convocazione erano sorti già lunedì sera in una concitata discussione tra il presidente del consiglio comunale Ambrosini e i consiglieri dell’opposizione. «La seconda seduta era convocata in origine per martedì, ma solo per un mio errore materiale» ha commentato Ambrosini , che ha poi aggiunto: «Se Pdl e Lega si fossero presentati non staremmo neanche qui a discutere». Confusione sull’agenda quindi,soldi-MB ma si pensava di risolvere il tutto spostandolo alla sera seguente: «Questo non è possibile – ha spiegato Bertani a dei cittadini – entrambe le date sarebbero invalide, una per le tempistiche, l’altra per la procedura». L’errore del candidato di PopArc secondo molti sarebbe una strategia «per mettere in cattiva luce il centrodestra e sottrargli voti», ma allo stesso modo l’assenza della maggioranza viene vista come «una mossa per rifare il consiglio sul bilancio, mettendo all’ordine del giorno anche la sfiducia al presidente». Bertani, fresco capolista del centrodestra per le elezioni, si è limitato a dire che «non se la sentivano di votare un bilancio ormai vecchio ed incompleto», ma non ha risparmiato la frecciata all’ex: «Abbiamo convocato noi il consiglio? Beh, non fatemi dire la maniera in cui il sindaco è stato costretto…». In tutto questo dal centrosinistra se la ridono sotto i baffi, ma ci tengono a dire la loro: «È l’ennesima vergogna – si sente dai banchi dell’opposizione – tutti giochi di potere».

Le grane però non finiscono qui: c’è il bilancio consuntivo da approvare entro il 30 aprile, questo da riportare in consiglio, in più si è aperta la questione del seggio elettorale di Cascina del Bruno. La sede, nella ex scuola materna, è stata ormai dismessa perdendo la validità come seggio:  «Non c’è ancora una nuova sede – ha precisato Rosalba Colombo – ed ogni altra ipotesi della maggioranza sembra utopia». L’approvazione del bilancio è poi fondamentale per evitare dissesti finanziari nelle casse del comune, dal momento che, ad oggi, «si andrebbe incontro a debiti e buchi consistenti». La situazione pare prossima al tracollo, ma basterà la ventata elettorale a far crollare il debole castello di carte della politica arcorese?

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi