09 Marzo 2021 Segnala una notizia

Arcore, Enrico Perego guida il centrodestra: «Coesi, svecchiati e radicati nel territorio»

12 Aprile 2011

Enrico_Perego-mbHa le idee chiare Enrico Perego. A poche settimane dalle elezioni di maggio è questa l’impressione che si ha parlando con il candidato sindaco del centrodestra ad Arcore: programma e liste sono già definite, per l’uomo scelto da Silvio Berlusconi alla guida della coalizione nel “suo” paese. Dignità, rinnovamento, vicinanza alle esigenze dei cittadini le frecce nell’arco di Perego, che potrà contare anche sull’appoggio della lista civica “Arcore incontra”.

Cominciamo dal principio, il momento della scelta: «Da segretario della Lega Nord avevo deciso che si poteva andare col Pdl alle elezioni, ma a certe condizioni – inizia Perego, già sindaco di Arcore dal 93 al 97 – Poi è giunta la chiamata di Berlusconi». A quel punto i giochi erano quasi fatti: «In cuor mio speravo e pensavo che mi avrebbe scelto, ma all’onorevole Centemero avevo comunque posto dei paletti: avrei accettato solo a patto di un rinnovamento del Pdl». Eccolo il famoso rinnovamento, condizione sine qua non per accettare il ruolo di leader e pilastro del percorso verso le elezioni. «Questo si traduce in una lista giovane, energica e con tante donne – spiega il segretario del Carroccio – ma soprattutto coesa: senza condivisione di intenti non si va lontano». Questo per quanto riguarda il metodo, ma anche sul programma Perego è determinato: «Innanzitutto portare a termine, anche modificandoli,  i progetti lasciati a metà come la Rsa, l’ex-Falck e il polo scolastico – inizia il 50enne candidato – prestando però attenzione alle piccole cose che possono facilitare la vita ai cittadini». Rinforzare il radicamento nel territorio «scendendo in strada, parlando e ascoltando la gente», rinvigorire le tradizioni e riportare in Arcore la dignità ed il decoro, «grazie alla pulizia del paese, alla difesa dei luoghi sacri, ed alla lotta agli irregolari nel rispetto della persona». Perego parla poi di Doneda, e sfrutta il momento per attaccare l’opposizione: «Noi non faremo l’impianto di betonaggio, ma quelle del centrosinistra sono tutte frottole: hanno mentito per sfruttare l’episodio a loro vantaggio, nonostante io abbia già ammesso gli della Giunta».

La sfida alla Colombo e agli altri candidati è lanciata, ma le aspettative sono altissime: «Ho fiducia totale nel mio gruppo, siamo compatti e consapevoli di quanto di buono ho fatto nel mio passato di sindaco – prosegue il leader di coalizione – tensostruttura in via San Martino, area ex-Piaggio, il nuovo mercato e altro ancora. E se la sinistra non mi avesse bloccato, forse oggi non avremmo la Pedemontana». La carica è tanta, ma basterà da sola a risollevare le sorti di un centrodestra arrivato logoro e in debito di ossigeno alle soglie della campagna elettorale?

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi