05 Marzo 2021 Segnala una notizia

Tagli ai trasferimenti, il Comune di Monza fa causa a Tremonti

18 Marzo 2011

Monza-comune-MBFra il Comune di Monza e il Ministero delle Finanze non corre buon sangue. Il vice sindaco e assessore al Bilancio, Marco Meloro, ha infatti annunciato il via libera a una causa civile per ottenere il riconoscimento di oltre 3 milioni e mezzo di trasferimenti statali tagliati (illegittimamente secondo il Comune).

Le ragioni di questo scontro a colpi di carte bollate è stata la decisione del ministero nel 2009 di modificare in modo retroattivo (dal 2001) i criteri di conteggio delle rendite catastali degli immobili D, vale a dire i capannoni.

meloro-vicesindacoA quel punto, Monza, come molte altre città, si è ritrovata all’improvviso «debitrice» per una cifra astronomica, che il ministero ha riscosso con due successivi colpi di forbice ai trasferimenti: nel 2009 di 2 milioni e 900 mila euro e l’anno successivo di 800 mila euro.

Alla causa civile di Monza, quasi sicuramente faranno seguito altre cause di Comuni come Torino, Bologna, Napoli e Milano, anche loro vittime dei tagli ordinati dal ministero. In prima battuta era stato presentato un ricorso al Tar del Lazio, che però ha sentenziato la sua incompetenza per la materia. Così, Meloro, di comune accordo coi legali dell’amministrazione, ha avviato una causa civile. «Il ministero – dice Meloro -, ha agito d’imperio e in modo illegittimo, senza un provvedimento legislativo, una risoluzione o una circolare. I conteggi delle rendite catastali li avevamo fatti seguendo i moduli e le indicazioni che erano arrivate proprio da Roma».

In foto Marco Meloro

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi